Posted in: Informatica, Opinioni, Tutti gli articoli

La marginalità informatica

aula-tot-verde

Per corsi di aggiornamento mi capita di visitare alcune scuole primarie e secondarie di primo grado. Altre volte le informazioni sono indirette, cioè mi giungono attraverso qualche scambio di battuta con colleghi.  Bene, la situazione media dei laboratori  di informatica è a  macchia di leopardo.  Esistono realtà che funzionano, grazie alla presenza di un gruppo di insegnanti che regalano ore  di passione, scambio di idee e implementazione di progetti.  A queste situazioni di punta ne esistono purtroppo molte caratterizzate da criticità, da stati di abbandono o indifferenza. E di queste che voglio parlare.
Non è infrequente incontrare o sapere di laboratori d’informatica chiusi, perché non si riesce a trovare un responsabile di laboratorio, cioè un docente con  conoscenze tecnico-informatiche adeguate a gestire pc collegati a Internet. Questi laboratori assomigliano a delle bomboniere, messe in vetrina e nulla più.   E questa è già una situazione positiva. Qualche volta mi capita di fare esperienza diretta o indiretta di laboratori chiusi perché i pc hanno qualche problema software ( spesso risolvibili con un minimo di conoscenza ), hardware,  di cavetteria sistemata alla meglio   o perché obsoleti.
Dove invece funzionano, invece essi sono sottoutilizzati ( fortunatamente, ripeto non in tutte le realtà ) per digitare qualche testo in Word o Writer o come diversivo, momento ricreativo per  far giocare gli alunni o studenti.
Mi fermo qui, perché potrei allargare il discorso alle Lim, ai notebook…
Cosa dire ? In queste realtà l’informatica è marginale  è  un “ospite poco inquietante”, mal sopportato.
E intanto fuori dal cancello delle scuole, la realtà corre procedendo verso la completa “descolarizzazione culturale”. Quanto potranno resistere queste scuole a questa onda d’urto ?