Posted in: Classi pollaio, Culpa in vigilando, Tutti gli articoli

La nostra condizione non compresa

12295349_196470937354458_5310111371780169633_n

Immagine che rispecchia benissimo la nostra condizione di insegnanti, soprattutto quando siamo titolari di classi pollaio e superpollaio.
“Gli esperti” non di aula, quelli che ci “istruiscono” su come lavorare, dovrebbero sperimentare per un mese questa situazione.
Il discorso vale anche per tutte le persone che ci rinfacciano i tre mesi di vacanza ( dimenticano che tolto giugno e le ferie spettanti di diritto, sono pochi i giorni scoperti ), i quindici giorni di stop natalizio e la settimana di pausa pasquale. Spesso queste persone appartengono a categorie privilegiate con benefit e stipendi non equiparati al loro impegno.
Se poi pensiamo all’enorme responsabilità che abbiamo verso i minori ( “culpa in vigilando” ), dove siamo completamente in balia di avvocati e giudici, favoriti da interpretazioni molto discutibili sui criteri di evitabilità e prevedibilità degli eventi, allora il cerchio si chiude. Cosa rimane? I ragazzi! Peccato che i loro apprezzamenti non diventano moneta di scambio quando andiamo dal panettiere.