Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

La partita di giro del merito

Siamo alla resa dei conti! Finalmente parlano i fatti! Il governo Renzi  finanzierà l’assunzione dei 148.000 precari, bloccando il contratto nazionale di lavoro,  abolendo gli scatti d’anzianità, la vacanza contrattuale, le supplenze di un giorno… L’elenco, ovviamente è molto più lungo, ma il disegno è chiaro: non ci sono risorse fresche per la scuola! Qualunque nuova spesa potrà essere finanziata con una partita di giro.  Lo stesso è avvenuto per il pagamento degli scatti 2011 e 2012 a spese del Mof. Il medesimo  spartito verrà proposto con il merito. I 60€, un’offesa alla dignità dei docenti, semmai verranno erogati ( che fine hanno fatto i 2.400 milioni di € promessi dalla Gelmini per il merito?), saranno il risultato di uno spostamento di risorse interne al comparto scuola ( prosciugamento del  Mof, abolizione supplenze fino ai cinque giorni…)  con nessun guadagno concreto per i docenti “meritevoli”, anzi con tanto nuovo lavoro da espletare. Chi ci guadagnerà sarà l’Amministrazione che ottimizzerà  ulteriormente il rapporto nuovi impegni/compenso “merito” , riuscendo a far lavorare tanti docenti  quasi gratis .  Del resto già molti insegnanti lo fanno, continuando ad assumere incarichi e compiti per pochi spiccioli. Cosa cambierà con l’attuazione del “Piano Scuola” ? Nulla! Noi docenti continueremo a lavorare quasi gratis, ci lamenteremo, pensando che la nostra controparte “negativa” sia davanti a noi. In realtà è dentro di noi, nella nostra disponibilità a  lavorare con tanta  professionalità ma con una scarsa coscienza di essere anche dei professionisti ( pagamento adeguato all’impegno ).