La responsabilità genitoriale e il diverso scenario educativo

Responsabilità genitoriale

La responsabilità genitoriale riconsidera il rapporto tra i genitori e i figli

La responsabilità genitoriale cambia le regole del gioco educativo. Il minore è persona sempre! Quindi non più un oggetto o proprietà della famiglia, ma soggetto che si appartiene senza se e senza ma. Comunque sempre  da proteggere e curare.

Dalla patria potestà a quella genitoriale

La responsabilità genitoriale è il risultato di un cambio di mentalità nei rapporti del minore. Prima del 1975 il bambino e il ragazzo erano ancora  in balia del padre (patria potestà). Ovviamente rispetto al diritto romano, il rapporto, pur rimanendo gerarchico, si era in parte trasformato a favore di una maggiore attenzione al benessere e alla cura della prole.
I primi sostanziali cambiamenti si hanno con il nuovo diritto di famiglia (1975). Non poteva essere diversamente dopo le manifestazioni del ’68, finalizzate ad equiparare i due sessi e quindi il rapporto con i figli. Da qui l’espressione potestà genitoriale, che però non modificava il rapporto gerarchico anche se  stemperato con i figli. Essi non sono ancora compiutamente persone per via del potere residuo che i genitori possono esercitare. Da qui discende il profilo di un minore totalmente incapace  “di intendere e volere” e quindi inadeguato  a contrapporsi alla sapienza dell’adulto e a prendere sagge decisioni.

Con la responsabilità genitoriale cambia radicalmente lo scenario

Si è dovuto attendere il 2003 (regolamento europeo 2001) per una svolta sostanziale, declinata nell’attenzione unica ed esclusiva del minore. E’ stata introdotta la locuzione di responsabilità genitoriale che fa pesare la bilancia  più sugli obblighi educativi verso i figli. Siamo di fronte a una rivoluzione culturale che vede affermarsi il principio che il minore è persona. Sempre.  Egli appartiene alla famiglia, ma allo stesso tempo è autonomo, rispondendo solo a se stesso, tenendo però presente il principio della gradualità. In altri termini, si è voluto superare la concezione di un potere con pochi vincoli sulla prole, privilegiando la funzione di accompagnamento e di facilitatore  dello sviluppo integrale del bambino, verso il quale occorre attivare ogni protezione e cura (Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, 1989).

La poesia del profeta, anticipo della responsabilità genitoriale

Questo spiega perché il minore ultraquattordicenne può esprimere il consenso, anche in opposizione alla famiglia per la pubblicazione di dati personali (foto e video) nel Web (GDPR e decreto attuativo 101/18) e chiedere la rimozione di materiale fotografico postato. Ovviamente l’elenco non si ferma qui.
Siamo di fronte al riconoscimento della grande intuizione del Profeta  di K. Gibran quando scriveva: “I vostri figli non sono figli vostri…
sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita.
Nascono per mezzo di voi, ma non da voi.
Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono...”

Questa voce è stata pubblicata in Responsabilità genitoriale, Tutti gli articoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.