La scuola che corre verso il Nulla

La scuola che corre

La corsa della scuola verso il Nulla. Non è una bella prospettiva

La scuola che corre verso il Nulla. Un contributo di R. Sgaramella (Presidente AND di Rom). Sintetico, ma efficace nell’illustrare la situazione della nostra scuola. Siamo di fronte alla”curvatura” verso l’ente (M. Heidegger).

La scuola che corre verso il Nulla

Su Orizzontescuola.it  è stato pubblicato un articolo di R. Sgaramella di raro spessore culturale. Fuori dai cliché universitari e accademici dove il profilo di scuola non corrisponde quasi mai alla realtà concreta. Si percepisce chiaramente che l’A. è una docente che ha un’interessante “esperienza di aula” .
Condivido tutto, anche l’ultimo periodo che apre allo scenario ipotizzato da M. Heidegger di un contesto che ha fatto della tecnica il suo totem.

Alcuni passaggi

Riporto alcuni passaggi, ma invito a leggere e rileggere il contributo.
C’era la scuola della Costituzione, che riconosceva il diritto al rispetto della persona di ogni essere umano, chiunque esso fosse, pari dignità sociale, civile e giuridica a tutti i cittadini e le cittadine senza distinzione di sesso, razza, lingua,  religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali; il diritto ad essere sostenuti nel cammino verso il pieno sviluppo della persona umanaVenne il tempo della globalizzazione, dell’omologazione di massa, del pensiero unico televisivo, del patrocinio dell’economia e del consumismo…Venne la L.62/2000, le classi pollaio, la divisione delle classi, la Spending review… Venne la buona scuola, il potenziamento,i poteri accentrati sulle figure dirigenziali…Venne il giorno in cui la scuola offrì questo. Il nulla costruito sulla corsa, l’organizzazione perfetta di una catena di montaggio. E l’uomo divenne macchina e la macchina non pensò fece, fece e fece bene. Ordinatamente!

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni. Contrassegna il permalink.