Posted in: Cyberbullismo, Esperienze, Nativo digitale, Tutti gli articoli

La scuola e la famiglia non comprendono…

cervello

Alla fine di maggio ho tenuto un incontro di informazione rivolto ai genitori e adulti del nostro territorio.
Dagli interventi è risultato che i genitori e la scuola sono molto distanti dal comprendere il “profilo psicologico” dei nostri ragazzi. Profilo che sta rapidamente mutando, grazie all’uso spesso compulsivo dei diversi device tecnologici. Pertanto si sta accentuando la frattura intergenerazionale. E non solo. In questa nuova situazione è coinvolta anche la scuola. In molto casi l’istituzione scolastica interpreta alcune manifestazioni del ragazzo ( ad esempio  la disattenzione ) , attribuendo al fenomeno,  letture che fanno riferimento a teorie psicologiche, che avevano senso in un contesto dove il pensiero lineare, sequenziale ( il libro e lo scritto in genere ) era il vettore principale dell’apprendimento.
Sono sempre più convinto che i genitori e la scuola debbano tornare ad essere “presenze educative” e non mettersi degli “occhiali fuori mercato”, incapaci di leggere una situazione che rischia di diventare una delle tante “emergenze educative” dei prossimi anni.