Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

La scuola light

vz98k7
I due recenti fatti di cronaca “Rimprovera l’alunno: i genitori denunciano la maestra” e ” Maestra aggredita perché troppo severa” confermano che i rapporti tra la scuola e l’utenza ( = genitori ) sono divenuti tesi, problematici. Essi non rappresentano più l’eccezione, ma la regola, ovviamente a sfumature diverse,  di una perdita di autorevolezza educativa da parte dell’Istituzione Scolastica. Questa ormai può essere definita un’organizzazione “light”, priva della profondità, della prospettiva che una volta aveva grazie al riconoscimento formativo della sua azione. Probabilmente la scomparsa del futuro come investimento, l’affermazione dell’individualismo senza regole e freni e il conseguente tramonto dell’appartenenza a una comunità   hanno contribuito   alla perdita di senso dell’educazione che invece si lega a un progetto sociale, il cui piano è inclinato verso il futuro, costruito anche attraverso regole e comportamenti condivisi.
In questo scenario cosa resta all’Istituzione scolastica? Poco o nulla se non compiti di pura assistenza e vigilanza su un’utenza prevalentemente minorenne, badando bene a non sconfinare in altri ambiti, se non vuole incorrere  nella rabbia dei genitori in ricorsi al T.A.R, in cause civili e penali.
Povera scuola!!! Non è in questo progetto di parcheggio che ho creduto, quando ho deciso di  fare l’insegnante.