Posted in: Classi pollaio, Legge 107/05, Tutti gli articoli

La scuola per diventare più “buona” doveva…

810072014170352_Studentiscuolasuperiore

L’articolo che propongo al termine di questa mia riflessione conferma la bontà della mia posizione, che più volte ho ribadito in diversi interventi: la scuola, ante L. 107/15 per diventare più  “buona” – lo era già di qualità prima, grazie all’impegno spesso “missionario” dei docenti – doveva liberarsi delle classi pollaio, tenendo presente anche il progressivo invecchiamento dei docenti.
Aberrazione organizzativa, voluta dal duo Gelmini – Tremonti ( 2008 ) che condiziona pesantemente la qualità della didattica. “Virus” che indebolisce ogni tentativo pedagogico- didattico di tradurre nella prassi quotidiana i principi dell’inclusione. La controproposta renziana si è rivelata una presa in giro! Infatti nella relazione tecnica che accompagna la L. 107/15 si parla di spostamento di alunni da una classe numerosa ad una più “leggera”. A questo si deve aggiungere anche l’impossibilità di nominare il supplente il primo giorno di assenza del titolare ( Legge di Stabilità 2015. proposta dal governo Renzi ). Personalmente ho la responsabilità di una classe di 26 alunni, che in alcuni giorni, grazie alla disposizione renziana aumenta fino a 30-31, per l’arrivo di alunni di altre classi “scoperte” del titolare.
Cosa dire ancora? Sicuramente la mancata abolizione delle classi pollaio, aggiornate ormai in “super-pollaio” certificano la non volontà del governo di migliorare la qualità della didattica, giustificando il mancato raggiungimento degli obiettivi di qualità al mancato impegno degli insegnanti, presentati ai media come ” privilegiati”, perché godono di ” troppe ferie telecomandate” e di un orario settimanale che è il 50% inferiore alla media degli altri lavori. Critiche che si azzerano poi quando qualche “esperto esterno” entra in aula e deve gestire un’ora di lezione, avendo davanti a sé 25-28 alunni.

Articolo