Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

La scuola vs il Nulla


Sul portale di Tecnicadellascuola.it è stata pubblicata un’interessante lettera di un Preside, che fotografa splendidamente la situazione nella quale si trova il sistema scolastico. Egli scrive:” Senza generalizzare, non è difficile constatare che oggi ai genitori sembra non interessi tanto la formazione culturale dei loro figli, quanto la loro promozione, per ottenere la quale, invece di stimolare i loro figli allo studio, la cui scarsa applicazione appare evidente anche a loro preferiscono contestare i professori…Non a caso siamo agli ultimi posti, non solo in Europa, quanto a competenze letterarie e scientifiche. Ma questo non sembra preoccupare i genitori a cui importa solo la promozione, il diploma, la laurea, a prescindere da quanta cultura è stata acquisita dai loro figli, che poi vengono anche premiati per i risultati raggiunti. Ma non dimentichiamo che un Paese incolto, e che per giunta non legge, in un mondo globalizzato non è in grado di competere con chi è molto più preparato in altre parti del mondo.”
Il caso non è isolato e sinceramente non mi sorprende. Viviamo in un contesto dove l’annuncio della “morte di Dio” da parte dell’ultimo uomo, doveva essere seguito dall’avvento dell”ultrauomo  con il compito immane di fondare una prospettiva immanente e di “fedeltà alla terra” ( F. Nietzsche ). E invece cosa è avvenuto? L’impresa non è riuscita e il Nulla ha avvolto anche l’uomo, decretando anche la sua morte. Egli vive aprospetticamente con un presente onnicomprensivo E’ l’avvento dell’ “uomo a una dimensione” ( H. Marcuse ), contro la  visione dell’esser-ci ( M. Heidegger ) o dell’Esistenza vs l’Essenza ( J. P. Sartre ).
Qualcuno penserà: qual è la relazione tra questo piano alto dell’avventura umana e la scuola? La risposta sta  nella promozione della persona attraverso la formazione. Il compito attribuito storicamente al sistema scolastico ha il suo piano inclinato rivolto al futuro. La scuola è prospettiva, anticipo del futuro, contribuisce alla promozione dell’esser-ci, inteso come “progetto” ( “gettato avanti” ). Ora tutto questo è divenuto insignificante, vivendo in un “orizzonte corto”, ben sintetizzato dalla dichiarazione berlusconiana ( mi sembra ) ” Con la cultura non si mangia!”. La scuola ha davanti a sé persone, il contesto odierno, invece ha degradato l’uomo a consumatore, ad un “fascio di sensazioni” ( D. Hume ), facilmente manipolabile dalla pubblicità e  riducendo significativamente gli spazi per un pensiero critico e riflessivo. Sopravvive una cultura format ” quiz televisivo o scolastico quest’ultimi attraverso i test Invalsi” .  In un contesto ” a forte orizzontalità” dove la categoria “merce” ha colonizzato le relazioni, il pensiero, gli affetti… e la “fretta”  ha riconfigurato le nostre priorità,  la formazione è percepita come inutile e i suoi tempi lunghi estranei.
Da qui, e concludo, la scuola è percepita come un ufficio amministrativo che deve rilasciare una certificazione formale. E niente più! Con la buona pace per quegli insegnanti che ancora credono nella prospettiva e nel futuro!