Posted in: Sicurezza, Tutti gli articoli

La sicurezza scuole: rinviata!!!

image

Queste ultime settimane sono state occupate dalle discussioni e riflessioni sulla nomina degli Animatori Digitali, sull’elaborazione del Piano triennale da inserire nel PTOF ( nuovo acronimo:Piano Triennale Offerta Formativa ), sulla questione di un contratto offensivo e irricevibile, se firmato…. In questa trappola sono caduto anch’io.
Tutte le questioni  importanti, ma secondarie se le rapportiamo alla sicurezza degli ambienti di lavoro ( = scuole ) che accolgono ogni giorno quasi otto milioni di studenti e poco più di settecentomila docenti, più i collaboratori scolastici e personale ATA.
Bene, nulla da dire se le scuole fossero certificate sicure. Ma non è così.
Diversi rapporti ( Save the Children e Legambiente  ) denunciano che  più del 50% delle scuole  non sono aggiornate nella loro certificazione antincendio. E mi fermo qui.
Ora di fronte a questa emergenza cosa decide il “governo del fare”, il “governo che ha messo al centro la scuola”? Sposta nel decreto  Milleproroghe il termine di adeguamento delle norme antincendio al 31 dicembre 2016.
Intanto in questo anno solare le scuole continueranno ad aprire, accogliendo alunni e studenti affidati dai genitori, molti dei quali concentrati su problemi lavorativi, economici,,, E  gli insegnanti si assumeranno questa responsabilità di affidamento, impegnandosi anche a  mantenere alto il livello di qualità del servizio, condizionato anche dalla conferma delle classi pollaio, volute dal duo Gelmini-Tremonti ( L. 133/08 e dalla istituzionalizzazione delle classi super-pollaio da parte del governo Renzi.  Esempio di perfetta continuità tra i governi falsamente di destra e di sinistra, in quanto condizionati dal diktat del risparmio della spesa pubblica.
In tutto questo i docenti si augureranno  di non incorrere in incidenti strutturali degli edifici che li ospitano.
E il governo cosa fa? E’ impegnato a portare avanti “la  madre di tutte le battaglie ” cioè la legge elettorale e altre non precisate riforme.
In   questa differenza di priorità risiede tutta la nostra fragilità come Sistema-Paese che da diverso tempo ha espulso il futuro dai propri radar.