Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

L’antipedagogia “impera”, ma con quali prospettive?

bullismo-e-haters-che-fare
“Dà una nota al figlio della prof. I genitori: “Gli chieda scusa” “. Il fatto è riportato dal quotidiano “La Stampa“.
Alcune considerazioni.
Siamo di fronte a un caso di antipedagogia, dove innanzitutto i fatti oggettivamente da sanzionare sono alterati a favore di un ludicismo nichilista, dove la prospettiva è assente, intenzionalmente annullata, rimossa dalla coscienza  o resa autonoma dalle scelte compiute nel presente.  Il criterio regolatore è l’utilitarismo, totalmente schiacciato nel presente e separato dal principio di responsabilità. Regna l’ “io” a discapito di un “noi “che si amplia quest’ultimo  con l’assimilazione di regole e di doveri, che si declinano specularmente in un diritto dell’altro al rispetto e alla cura.    La deresponsabilizzazione favorisce il consolidamento di un profilo-bambino, dove tutto è gioco e che trasforma l’altro in un passatempo, in un oggetto da “usare” e poi scartare perché nel frattempo l’attenzione ha rivolto ” i suoi occhi” su altro. In questo universo la realtà è fatta di oggetti che hanno lo scopo di “sospendere” la noia, il nulla come prospettiva, grazie all’emergere di pulsioni che “tritano” la realtà, restituendocela priva di relazioni, di rapporti autenticamente umani. E non potrebbe essere altrimenti con la decretazione della ” morte dell’uomo”
Nel fatto riportato dal quotidiano ” La Stampa” fanno riflettere la risposta del secondo genitore, docente responsabile della progettualità inclusiva dell’Istituto e la decisione adottata dal Dirigente, che invece di confermare il principio che la responsabilità è innanzi tutto individuale, ha deciso di punire tutta la classe, vietando la partecipazione all’uscita didattica.
Concludendo: un fatto dove la scuola perde 1-3. Il primo gol, quello autenticamente formativo è della professoressa che ha denunciato l’atto di bullismo. Peccato che poi i il gol del primo genitore e i due autogol realizzati dalla professoressa responsabile dell’inclusività e del Dirigente abbiano fatto vincere la partita all’antipedagogia.