L’assedio , la condizione postmoderna e poco accademica degli insegnanti

L'assedio

Insegnanti sempre più assediati, e quindi “stressati”

L’assedio, sempre più questa è la condizione attuale dell’insegnante. Poco accademica, difficilmente si legge sui “sacri testi” di pedagogia. Eppure è inutile girarci intorno questa è la realtà.

 L’assedio, lo raccontano i fatti

 la distanza tra quello che si legge nei testi universitari e la realtà non è mai stata così evidente. Da una parte un profilo avulso dalla complessità della realtà, dove il  lavoro dell’insegnante è costituito solo di tanta pedagogia, formazione e passione e un contesto indefinito, poco connotato.  Dall’altra “spaccati di quotidiano”, di “postmodernità” che li considera estranei, inadeguati, “fuori linea” dove conta più la promozione che la formazione.  Considerati come “gli ultimi sostenitori” dell”impegno, della  responsabilità, del progetto (= la modernità), essi devono  relazionarsi con genitori fragili emotivamente che hanno  abdicato al loro ruolo educativo, certificato dall’assenza del “No”, tanto da etichettare questi “adulti” come un “disastro totale“.
Recentemente molti sono i fatti. Tanti! Troppi!

Inizio con un fatto…

Inizio da una vicenda che vede un insegnante con un procedimento disciplinare in corso. La sua colpa è quello di aver rimproverato uno studente per aver trasgredito le regole di un Istituto. Ecco uno stralcio della sua lettera, inviata al Ministro Fedeli:
Gentile ministro Fedeli, mi sono chiesto, se è ammissibile per buonsenso e messaggio educativo che un docente aggredito, ingiuriato, minacciato e abbandonato a se stesso, debba anche difendersi dal “fuoco amico” di un sistema che dovrebbe tutelare i propri lavoratori e non certo difendere aggressori e mandanti con un incomprensibile silenzio. Mi sono chiesto come mai la parola di minorenni diseducati e le minacce di famiglie aggressive, debbano mettere in discussione la serietà e la professionalità di chi, ogni giorno, lavora per costruire non solo conoscenza e competenza, ma anche le donne e gli uomini di domani”

Un lungo elenco

A questo sia aggiungono lo sfregio , le percosse, la frattura delle costole, e altre aggressioni, ben documentate dal portale tecnicadellascuola.it subite da altrettanti insegnanti.
Questa è la realtà, costituita da molte  violenze sottili, non sufficienti a diventare cronaca!