L’atto d’indirizzo di Bussetti dimentica il contratto di governo

L'atto d'indirizzo di Bussetti

Il Ministro Bussetti, continua a dimenticare il contratto di governo.

L’atto d’indirizzo di Bussetti è un elenco di belle intenzioni. Conferma l’intenzione del governo di procedere a ottimizzare l’esistente, dimenticando il contratto di governo. Il documento presentava una priorità cancellata dal governo.

L’atto di indirizzo di Bussetti

Scrive V. Pascuzzi” l’Atto di indirizzo risulta del tutto generico e vago, dice poco o quasi nulla, non indica i tempi, le scadenze, le risorse economiche implicate, nessun crono-programma o diagramma, nessun PERT o CPM, così da poter monitorare e poi consuntivare; tanto che non risultano consuntivi nemmeno generici degli Atti di indirizzo precedenti. E poi 11 priorità in contemporanea, ex aequo?! Assomiglia a un ossimoro!”
Ottima sintesi di un documento che risente molto del politichese.

L’inclusione è un tavolo traballante

La conferma di quanto ha dichiarato V. Pascuzzi la troviamo, ad esempio nel capitolo inclusione. Si legge, infatti, nell’ atto di indirizzo : ” Ridurre la dispersione scolastica che in alcune regioni raggiunge percentuali ancora troppo elevate e favorire l’inclusione anche attraverso l’abbattimento delle barriere, di qualunque natura…Contrastare la dispersione scolastica, anche mediante l’incremento delle opportunità formative sul territorio, nonché attraverso l’arricchimento dell’offerta formativa e il potenzia mento del tempo-scuola.
A questo aggiungo che il Ministro continua a dimenticare la priorità contenuta nel contratto di governo. Mi riferisco alle classi pollaio. La loro abolizione è proposta al rigo 11 del suddetto documento, subito dopo l’intenzione di superare la Legge 107/15 Praticamente all’inizio del capitolo “Scuola”.  Ignorare questo obbrobrio organizzativo, che certifica l’invasione di campo del finanzcapitalismo nel sistema scolastico, significa rendere incerta l’inclusione. Infatti, l’impegno dei docenti  a garantire la qualità della formazione  a tutti, assume le caratteristiche di “mission impossible”. Si legge nella Proposta di legge parlamentare e non governativa, tuttora ferma su un binario morto: “rivedere il rapporto alunni/docente inciderebbe molto positivamente sulla qualità della didattica poiché avere meno studenti da seguire permetterebbe al docente di dedicarsi individualmente con maggiori attenzione e solerzia ai suoi allievi. Oltre a pregiudicare la formazione degli alunni, il fenomeno delle classi pollaio non consente infatti la piena integrazione dei ragazzi disabili.”

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.