L’aula è ignorata, quindi la scuola è morta!

 

L'aula è ignorata

La complessità dell’aula non è un tema centrale nelle discussioni teoriche.

L’aula è ignorata, si parla sempre meno di questo luogo che una volta era definito “un ambiente educativo di apprendimento. Come nella “Storia infinita” il Nulla la sta inghiottendo.

L’aula ignorata

Per l’insegnante l’aula rappresenta “il cuore” della scuola. Di ogni Istituto scolastico. Dovrebbe essere protetto dal Nulla. E invece, è esposta a tutte le “intemperie”, tese ad annullare o quanto meno a depotenziare l’educazione e la formazione. Non parliamo poi della sicurezza.
Ecco le prove:
1) Le classi pollaio e superpollaio
2) il freddo d’inverno e il caldo d’estate che sicuramente non favoriscono l’attività didattica
3) L’insicurezza strutturale che si traduce in crolli di parte dei soffitti e di altro.

Eppure…

Nei convegni, nei corsi di aggiornamento e sui “sacri testi” di pedagogia si presenta lo studente, l’alunno decontestualizzato. Il suo profilo pare non appartenere al contesto. Si ha la sensazione di trovarsi di fronte più a un concetto, a un idealtipo, costruito a tavolino.  Ho il sospetto che questo risponda ad una strategia ben studiata e finalizzata a semplificare la realtà. La complessità, ovviamente impegna e non sempre favorisce l’individuazione delle soluzioni. Se poi consideriamo che quasi tutti i relatori ormai hanno perso il contatto con l’aula, diventando progressivamente degli inesperti di questo ambiente, allora il cerchio si chiude. E’ difficile parlare di una realtà di cui non si ha più esperienza!

“Il cuore” non interessa!

Questa marginalizzazione dell’aula, sta progressivamente uccidendo la scuola. Del resto se si ignora o si “maltratta” il suo fondamento, cosa restano? Le macerie!

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Tutti gli articoli. Contrassegna il permalink.