Posted in: Opinioni, Recensioni, Tutti gli articoli

“Lavorare gratis. Lavorare tutti!!. A scuola è già realtà!


Sto terminando di leggere l’ultimo lavoro del sociologo D. De Masi: ” Lavorare gratis. Lavorare tutti, Rizzoli, Milano, 2017“. La tesi del libro è a dir poco inquietante, destabilizzante. In sintesi: i tanti disoccupati devono  offrire la loro forza lavoro gratis, competendo con gli occupati. Quest’ultimi, in tempi non prevedibili ma si ipotizzano brevi, saranno costretti a patteggiare la loro retribuzione con i disoccupati. Gli scenari sono facilmente intuibili: superamento del contratto nazionale e quindi “privatizzazione” del rapporto di lavoro con la conseguenza di un lavoratore con meno diritti e più doveri e quindi depotenziato nella dialettica con il datore di lavoro.
Scenario futuribile? Forse, ma non nella scuola. Molti docenti accettano di assumere incarichi a costo zero. Le motivazioni sono diverse, tutte però portano ad un medesimo risultato:  riducono gli spazi a tutti coloro che invece ritengono che le competenze acquisite con lo studio, acquisti di volumi… debbano ricevere un compenso adeguato. Da qui la lenta scomparsa di quest’ultimi dall’orizzonte di molti Dirigenti Scolastici, che condizionati dai diktat dell’ottimizzazione delle risorse si rivolgono ai  docenti disponibili a lavorare gratis. L’alternativa è costringere i concorrenti di quest’ultimi ad abbassare le loro pretese economiche, scendendo spesso a patti con le proposte  al ribasso o quasi vicino allo zero dei docenti-volontari.
Questa lenta e progressiva mutazione del profilo del docente-professionista è un bene per la scuola? Non credo. Il gioco al ribasso, non sempre  favorisce l’emergere delle competenze, piuttosto della convenienza da parte della dirigenza.