Posted in: Classi pollaio, Legge 107/05, Tutti gli articoli

Le classi pollaio e la Riforma

4

Ha dichiarato il Presidente Renzi “Grazie all’organico funzionale non ci saranno mai più classi pollaio” Ancora “Riformeremo la legge Gelmini che ha consentito le classi pollaio”. Questi e altri proclami sono   correlati con l’annuncio dell’ l’assunzione di centomila precari. In altri termini, il Presidente Renzi fa passare il messaggio che creerà centomila nuovi posti di lavoro e quindi queste “nuove” forze-lavoro consentiranno l’implementazione dell’organico funzionale e il conseguente superamento delle classi-pollaio. La realtà è ben diversa: egli non “inventerà” nuovi posti lavoro, ma li “stabilizzerà”, cioè confermerà a tempo indeterminato lavoratori- precari che già operano nella scuola e che non hanno risolto ( non per loro responsabilità) la diffusione delle classi pollaio. Questo significa che a settembre, qualora la riforma dovesse essere approvata, non cambierà nulla. Suona, pertanto, come “una grida manzoniana” (= non supportato dalla disponibilità di “nuove assunzioni”) il potere attribuito ai presidi  di derogare alle regole attuali,  utilizzando l’organico in modo flessibile, al fine di evitare  la formazione delle classi pollaio. Quale allora la soluzione? Innanzitutto occorre superare la legge 133/08 del duo Tremonti-Gelmini che ha innalzato di un punto il rapporto alunni/docenti per classe, tagliando “ipso facto” novantamila cattedre. Contestualmente bisogna procedere a vere assunzioni. Qualcuno parla di almeno trecentomila nuovi posti di lavoro da distribuire nel quinquennio 2016-2020 che diventano poi sessantamila ogni anno. Sento già l’obiezione: “ Non ci sono le risorse finanziarie per questo piano di assunzioni”. E’ qui che si gioca la credibilità della politica che intende andare oltre l’economicismo che annulla ogni prospettiva, costruendo un progetto-Paese che nella nostra condizione di scarsità di risorse naturali passa per la valorizzazione del capitale umano. E per realizzare ciò occorre che la classe torni ad essere realmente educativa, grazie alla presenza di 15-20 alunni che consente l’implementazione di ogni progetto inclusivo e quindi la centralità formativa di ogni studente. L’alternativa è un lento e inesorabile declino democratico ( non c’è democrazia senza la conoscenza ), sociale ed economico del nostro Paese.