Posted in: Classi pollaio, Tutti gli articoli

Le classi pollaio fanno notizia

tar-lazio-no-classi-pollaio
Venerdì 7 dicembre sul “Fatto Quotidiano” ( settore economia ) è stato pubblicato l’ articolo” Più insegnanti e meno studenti nelle classi“. Sul banco dell’accusa ci sono le classi-pollaio. S. Cannavò scrive che è impossibile insegnare, io aggiungerei conseguire apprendimenti significativi, in classi con 29 alunni.
Fa piacere leggere frasi che confermano la mia presa di posizione contro la soluzione organizzativa, antipedagogica, aberrante delle classi-pollaio. Queste sono l’esempio del tramonto della pedagogia nella scuola a vantaggio del  verbo economico. Le classi-pollaio sono state istituzionalizzate dal duo Gelmini-Tremonti  ( 2008 ) e confermate dai governi Monti, Letta e Renzi. Quest’ultimo si era presentato come il “Rottamatore”, il “Cambiaverso”. Quindi ci si attendeva una loro abolizione, sanzionando l’espulsione dal sistema formativo di ogni ragionamento basato sull’ottimizzazione, risparmio… L’istituzione scolastica deve essere sempre protetta dalle incursioni del liberismo economico, semplicemente perché gli insegnanti si relazionano con persone, intelligenze e “futuri” che possono essere condizionati pesantemente dalle condizioni presenti.
E invece, Renzi si è dimostrato un “continuatore” delle politiche della destra, ed è per questo che molti insegnanti si sono sentiti traditi nei fatti, sideralmente lontani dagli annunci. Direi di più, l’ormai ex Presidente del Consiglio  ha completato il disegno,  istituzionalizzando le classi super-pollaio con la legge di Stabilità del 2015, che impedisce ai capi d’Istituto di chiamare i supplenti il primo giorno di assenza del titolare, costringendo i docenti presenti  ad accettare gli studenti “orfani” nelle loro aule. Da qui la “lievitazione” delle classi che possono arrivare anche a 32-33 alunni con l’aumento esponenziale dei rischi di infortuni e di difficoltà a gestire situazioni di emergenza, dovute a terremoti…
Qualcuno potrà definirmi un “disco rotto”! Rispondo: sono contento di esserlo, perché parliamo della vita e futuro dei nostri ragazzi!