Posted in: PNSD, Tutti gli articoli

Le criticità del PNSD

accountability1
Il Piano Nazionale Scuola Digitale ha il grande merito di aver avviato un processo di attenzione e di valorizzazione di nuove e già consolidate pratiche finalizzate alla diffusione del digitale ( mi attengo alla terminologia utilizzata ).
Questa volta il Piano è stato proposto alle scuole, con strumenti, formazione, piattaforme, idee e azioni. Quindi non si è deciso di ripetere come nel passato il vecchio detto” Armiamoci e partite”
C’è una guida centrale, una direzione imposta dall’Amministrazione. Un supporto dal centro.
Ma come in tutte le cose di questo mondo ci sono dei “però”. che rischiano nel tempo di depotenziare tutto il Piano.
Li cito, anche se brevemente.
1) Il piano si identifica molto con le pratiche, con le cose da fare. Non a caso si parla di “digitale” Manca però, la visione, la prospettiva formativa. L’elemento che distingue e caratterizza l’azione di noi docenti. Esiste il rischio che gli insegnanti siano chiamati ad interessarsi molto degli aspetti procedurali, meno di quelli formativi.
2) Sono state create nuove funzioni e figure ( Animatori Digitali, Team dell’Innovazione ) contrattualmente deboli. Dal lato retributivo non è stato previsto alcun compenso e quindi alcun contratto  che vincoli l’azione dei docenti incaricati . Per essere più precisi,  il contratto esiste e sono i punti contenuti nella nota del 19.11.2015. Solo impegni, tante incombenze da far “tremare i polsi e basta”. Il lato economico scoperto ha permesso a diversi  animatori e componenti del Team d’innovazione di rassegnare le dimissioni, sapendo di non perdere nulla.
In questo l’Amministrazione si è comportata in modo contradditorio: centralistico nelle direttive, delegante nella parte economica.
3) A questo si aggiunge l’impossibilità per l’Animatore Digitale di avere un semiesonero a fronte di un mandato complesso e reso difficile anche dalle resistenze dei colleghi nei confronti dell’informatica, dei DS e DSGA  a individuare risorse per l’ampliamento, il miglioramento di supporti, strumentazioni e per la configurazione di nuovi ambienti.
Qui di seguito riporto l’intervento di E. Onori che individua altre criticità, augurandomi che queste  siano percepite e risolte a livello centrale. Per il bene della scuola che anche in un contesto liquido o postmoderno può dire la sua, condizionando i processi di formazione della persona.
Intervento Onori