Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Le “espressioni” che ci aprono all’ “esser-ci”

Please help me

Sono un insegnante. Questa non è una novità, per chi mi segue!
Da sempre ho impostato il rapporto con gli alunni e studenti, partendo da due espressioni:  ” Per favore”, “Grazie”.
Queste espressioni hanno un enorme valore formativo. Favoriscono la nostra percezione di persone che hanno bisogno dell’altro. Ci ricordano che siamo caratterizzati dalla dimensione del limite, della finitezza ( L’esser-ci, espressione di M. Heidegger ). Questa condizione favorisce la percezione dell’altro   come una risorsa, un’opportunità, un  regalo che deve essere trattato con il massimo rispetto. Da qui il nostro dis-velamento creaturale con il “Per favore” e il riconoscimento del valore immenso dell’altro con  il “grazie”.
Le due espressioni sono rivoluzionarie, sono un segno di discontinuità  rispetto al contesto attuale, dove tutto ruota intorno all’ “Io” ipertrofico ( la crisi della modernità è aver posto l’  “ego cartesiano” al centro) , che coerentemente si coniuga con la pretesa, l’arroganza, che favoriscono la contrapposizione, la separazione dall “altro”. Dimentichiamo che tutti noi siamo un   “mondo positivo”  psicologico, sociale e culturale caratterizzato dal ” noi” ( sintesi tra l’ “IO” e il “VOI”) . Il pronome rimanda a idee, valori, comportamenti che inizialmente erano di altri, personalizzati poi  grazie al processo di assimilazione.
A questo occorre aggiungere che si torna a dare peso alle parole, alle espressioni, in un contesto dove queste spesso nascondono il NULLA, trasmettendo solo UN VUOTO FORMALE, FREDDO E ASETTICO. Non a caso,  si dice “Parole, parole, parole…”
Propongo di seguito un articolo che integra, quanto da me digitato.

“Per favore” e “grazie” per essere adulti migliori