Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

Le nostre responsabilità

Ho terminato di leggere  per la seconda  volta il documento sulla “Buona Scuola”. Risultato: ho provato tanta  frustrazione e rabbia!!!  Eppure, dovrei apprezzare  la presenza di tanta pedagogia che per trent’anni   ha caratterizzato e caratterizza  la mia attività professionale.Ho avuto un’ulteriore conferma che l’Amministrazione si  è accorta della nostra proposta di profilo docente: molta professionalità, poco professionismo. L’ha fatta sua nel documento “ La Buona Scuola”, consolidando una posizione che da diversi annii caratterizza il suo rapporto con i docenti. Nel documento, infatti, emerge un insegnante “meritevole”  per crediti acquisiti nella didattica, nella formazione e nell’assunzione di incarichi organizzativi e progettuali.  Ognuno di questi aspetti comporterà, nella migliore delle ipotesi, tanto studio, ricerca, ideazione e conduzione di progetti, che costringeranno i docenti a un prolungamento della loro permanenza quotidiana a scuola di 3-4 ore.  La contropartita:  60€ .  Pochi? Vero! Bricioline? Sicuramente,   se si considera la  mancata integrazione con gli adeguamenti contrattuali, l’abolizione degli scatti e la sterilizzazione del Mof. Ma cosa intendo per professionalità  e professionismo.  La prima  è caratterizzata da un bagaglio di conoscenze, capacità che nella loro interazione   contribuiscono all’affermazione delle competenze. Ora se la scuola italiana, almeno  il segmento dell’infanzia e  della primaria,  è di qualità  , è grazie all’alta professionalità di molti docenti. Il professionismo, rappresenta il completamento di un profilo adulto di lavoratore, cosciente dei suoi diritti e soprattutto della sua dignità e rimanda a un rapporto equilibrato, direi giusto, tra la prestazione e il riconoscimento economico. Questo è il merito!!!  La sua concretizzazione mette al riparo l’insegnante  dalla frustrazione e dall’avvilimento, che in un contesto educativo  diventano dei “blocchi”  per qualunque azione di  promozione della persona. Ora, come scrivevo sopra, l’Amministrazione ha  compreso che molti docenti sono disposti a lavorare tanto ed essere pagati poco.  Alcuni esempi. Si continua ad assumere incarichi di F.S, , pur sapendo che il compenso umiliante  dello scorso anno, sarà ancora più esiguo a giugno 2015. Si propongono  e si portano avanti progetti senza sapere se questi saranno finanziati. Potrei continuare, ma mi fermo qui. Non cerchiamo “fuori di noi” il nemico, l’avversario. Essi sono dentro  di noi!  Ogni volta che proponiamo un profilo dimezzato – molta professionalità, scarso senso di  professionismo – del nostro essere docenti.  E questo è quello che conta per l’Amministrazione.