Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Le ragioni della debacle renziana

13342925_1148568735186816_9112505654560569590_n
Renzi ha affermato che non è contento del risultato del primo turno delle Amministrative.
Dovrebbe fare una seria analisi del perché di questa diaspora dell’elettore di sinistra.
A mio parere, la strategia renziana di trasformare il PD in una riedizione della Democrazia Cristiana, che aveva tra i suoi compiti quello di attirare voti da destra, da  sinistra e dal centro, deve essere ripensata. Il tentativo ha portato il Pd a completare il suo viaggio verso un soggetto politico, che di sinistra ha ben poco. E’ riuscito a tradurre nei fatti l’intuizione magistrale di un filosofo ( mi sembra E. Bloch ) : ” Per far passare le riforme di destra, è sufficiente che queste si colorino di rosso” . Due esempi su tutti:  ha abolito l’art. 18, ha riformato la scuola riprendendo molto del modello di V. Aprea ( esponente di Forza italia ).
Quindi Il tentativo di Renzi di “indifferenziare il Pd”, rendendolo interscambiabile con le forze politiche di destra, il sostanziale “nanismo italiano”  in Europa, dove le decisioni importanti sono prese da Hollande e Merkel, il “rottamatore” che non ha modificato la politica  rivelandosi tale solo con i dissenzienti, la scelta di sponsorizzare personalità della grande azienda italiana, a scapito talvolta di altri impegni più sociali, l’accentuata personalizzazione del partito,  hanno completato l’opera
Un suggerimento a Renzi, : ” Riprendi a dire qualcosa di sinistra”. Sono convinto che non lo ascolterà e questo è un bene per la sinistra italiana, perché presto, molto presto sarà costretto a dimettersi. Mi auguro solo che dopo di lui, il PD rimetta veramente al centro, il lavoro, la scuola e la difesa dei più deboli…