Posted in: Legge 107/05

Legge 107/15, parole di sinistra

Legge 107/15
M. Baldacci, mette a nudo l’estraneità della legge 107/15, rispetto alla Costituzione

Legge 107/15 da abolire “senza se e senza ma”. Finalmente si sentono parole di sinistra. Pensieri “pesanti”, “densi”, che guardano alla persona e al cittadino, dimenticando il soggetto produttore.

Il pensiero di M. Baldacci

Legge 107/15, aggiornamento del Disegno di V. Aprea, non deve essere corretta, ma abolita. Lo afferma M. Baldacci pedagogista.
Riporto alcuni passaggi di una sua intervista che evidenziano gli elementi di una scuola che disattende la nostra Costituzione:

Una scuola attenta al produttore e non all’uomo e al cittadino

“La legge 107/2015 presenta un impianto gravemente riduttivo e unilaterale, le cui direzioni culturali si coglievano in modo trasparente nel Documento iniziale sulla Buona scuola. Non si mira alla formazione completa dell’essere umano come cittadino, produttore e persona autonoma intellettualmente e moralmente. La scuola è vista solo come una fabbrica di produttori equipaggiati di un adeguato capitale umano, e quindi come asservita al sistema economico, anziché diretta allo sviluppo civile e democratico del Paese. Pertanto, la legge 107/2015 non va semplicemente corretta, ma abolita… Nel nostro Paese, la deriva verso la scuola neoliberista è iniziata agli inizi del nuovo secolo, con l’avvento dei governi di Centro-destra.L’azione dei governi di Centro-destra si è così innestata su un piano politico-culturale che inclinava già verso esiti neoliberisti. In una prima fase, questo processo è stato presentato (si pensi al periodo dalla Moratti alla Gelmini) come un ritorno a una sana e seria tradizione scolastica, compromessa dalla sinistra, dai sindacati, dalla pedagogia e da Don Milani. Poi, dal Governo Monti a quello di Renzi, la tendenza è diventata eplicita. Non più una deriva, ma una rotta verso le spiagge neoliberiste.”

Breve considerazione

E’ evidente la matrice marxista del pedagogista. E’ la conferma che il Pd è diventato altro rispetto alla tradizione gramsciana. Il suo tentativo di divenire “il partito della nazione”, processo iniziato con W. Veltroni è naufragato. Ha perso la sua densità culturale, assumendo la liquidità, come paradigma della postmodernità che si declina nell’ azzeramento del passato e nel cammino incerto verso il domani.   Diego Fusaro, noto filosofo che ha come suoi riferimenti Hegel, Marx, Gramsci sostiene che sinistra e destra sono concetti superati, in quanto le due anime sono dominate dal “finanzcapitalismo”. Di diverso avviso era E. Bloch. Secondo il  filosofo ultramarxista, la destra per far passare le sue riforme deve colorarsi di rosso.  E il PD è riuscito in questo capolavoro che ha portato molti elettori a cogliere il PD come una realtà estranea, rispetto al pensiero della sinistra.
Scriveva N. Bobbio: ” Con il  tramonto del marxismo chi darà voce ai poveri, ai diseredati, agli ultimi della terra?