Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

Legge 107/15: un’analisi interessante, ma…

Riporto al termine di questa mia breve riflessione un’analisi sulle criticità della legge 107/15. Sono proposti alcuni elementi deboli della riforma,  riguardanti la premialità.
L’articolo, ovviamente, è condizionato dal fine dell’associazione ” Gruppo di Firenze per la premialità e la responsabilità“.
Ribadisco la mia posizione: la Legge 107/15 doveva andare al “cuore” della scuola, cioè guardare la classe. In particolare l’aberrante, anticostituzionale organizzazione delle classi-pollaio. Ogni riforma deve partire dalla classe, tutto il resto è ornamento, accessorio, secondario. Una casa si costruisce partendo dalle fondamenta e non dal tetto!  La scuola si rivolge ai ragazzi. Essa nasce per i ragazzi. La sua ragione fondativa sono gli studenti. E se questi non sono messi nelle condizioni di acquisire apprendimenti significativi e inseriti in ambienti sicuri  che favoriscano le procedure di evacuazione in caso di eventi estremi e imprevisti , allora la scuola perde la sua “mission”.
Detto questo eliminerei da ” Buona Scuola” l’aggettivo. Mi è difficile trovare una  determinazione alternativa, che rispecchi questo “abbandono” dei nostri ragazzi in contesti organizzativi che  non alzano la qualità degli apprendimenti e non li “assicura” .
Le criticità della L.107/15