Posted in: Contratto scuola, Nuovo Testo Unico, Opinioni, Tutti gli articoli

Legge o contratto? Si decide il futuro del sindacato!


Discorso tecnico! Sono consapevole che può interessare solo chi ama l’analisi “del capello”.
Mi riferisco alla “querelle”: legge o contratto? In altri termini, il nuovo T.U. -non ancora pubblicato- ha di fatto “perimetrato” il decreto l.vo 150/09 ( “Decreto Brunetta”) oppure tutto è rimasto invariato a favore della legge come riferimento primario? Al momento non conosciamo i contenuti del nuovo T.U.. E questo nonostante l’iniziale dichiarazione della Cgil-scuola che attraverso il suo Segretario generale S. Camusso ” Il decreto arriva dopo l’accordo del 30 novembre e dopo un costruttivo confronto con Cgil, Cisl e Uil, teso a mantenere fermi i punti centrali dell’intesa: più spazio alla contrattazione, a tutti i livelli”. A onor del vero i toni trionfalistici del primo momento con il passar dei giorni e in assenza della pubblicizzazione del T.U. si sono trasformati in cautela e poi in giudizio negativo.
Ora la sensazione di aver ottenuto “aria”, quindi il Nulla – inquietante se lo consideriamo anche  in rapporto al “fantastico contratto” di 85 € lordi medi nel triennio-   è confermato dall’ultima querelle tra il sindacato e il governo, riguardante il Piano triennale di formazione. All’indomani dell’apertura della Piattaforma S.O.F.I.A, le parti sociali hanno ribadito la prevalenza del contratto e che quindi non possono essere esserci obblighi extracontrattuali ( ad esempio ore da effettuare ogni anno ). Da qui l’invito del sindacato alla controparte di attenersi al contratto. L’Amministrazione ascolterà l’invito?
Mi auguro che  questa sia l’ultima questione, prima della pubblicazione del T.U. che scriverà la parola “fine” all’intera  questione.
Il sindacato sta giocando una partita delicata e strategica che aggiornerà il suo  tasso di credibilità e autorevolezza , dopo i diversi tentativi di Renzi, di delegittimarlo, bypassarlo ( operazione disintermediazione ). Infatti, se il T.U. confermerà la filosofia del Decreto L.vo 150/09, mi chiedo quali spazi di manovra e di contrattazione potrà ancora esibire?
Se questo quadro dovesse essere confermato, saranno a perderci tutti i lavoratori, i quali sciolti dai legami forti saranno facilmente ricattabili con più doveri, meno diritti e paghe indecenti.