Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

L’elastico comunicativo non fa bene alla scuola

L'elastico comunicativo
L’elastico comunicativo non fa bene alla scuola


L’elastico comunicativo (annunci e smentite), spesso contradditorio e comunque non supportato dai fatti, non fa bene alla scuola. Quest’ultimo non ha bisogno di parole, parole, ma di atti concreti e coraggiosi.

L’elastico comunicativo

E’ risaputo che nel contesto postmoderno contano le parole o le sensazioni prodotte dalla notizia ( post-verità). I fatti sono relegati ad accessorio, non necessario. Si preferisce la tecnica che definisco dell’elastico comunicativo. 
Il Ministro e i sindacati non sfuggono a questo scivolamento comunicativo.
Ha iniziato il Ministro V. Fedeli, proponendo le scuole aperte d’estate. Annuncio vago, fumoso. Sembrava che dovesse coinvolgere gli insegnanti. Poi la rettifica: saranno chiamate a portare aavnti il progetto le associazioni. La proposta non ha avuto seguito.
Contemporaneamente il Ministro Fedeli annunciava il giorno prima l’impegno del governo a riconoscere economicamente l’impegno dei docenti (v. contratto) per poi ripiegare, confermando (forse) gli 85€ medi lordi in tre anni.
Recentemente anche i sindacati si sono fatti contagiare da questa annuncite, non supportata dai fatti e nello specifico dal contesto normativo. Qualche giorno fa ho messo in rilievo le dichiarazioni di Sinopoli  che ritiene gli 85€ “un punto di partenza per sedere al tavolo della trattativa”. Anche questa dichiarazione sarà presto smentita. Le leggi Stabilità 2016 e 2017, infatti, non prevedono altre risorse.

La scuola ha bisogno di fatti e non di annunci

La scuola necessita di certezze e non di fughe in avanti, smentite in tempi brevissimi ( l’elastico comunicativo). Ha bisogno di essere rispettata e non di essere presa in giro dagli interlocutori. Il rispetto si fonda sulla  funzione strategica per il futuro del Paese.
Un suggerimento: parlate dopo aver prodotto degli atti! Diversamente la frattura tra la scuola, l’Amministrazione e le parti sociali si allargherà fino a un punto di non ritorno! “Cui prodest?” Sicuramente non al futuro del Paese!