• Mar. Set 27th, 2022

Gianfranco Scialpi

Il mare non è mai stato amico dell'uomo, semmai complice della sua inquietudine (J. Conrad)

Linee guida Covid, ritorno a febbraio-marzo ’20, ma al momento è solo un documento

Linee guida Covid

 

Linee guida Covid, il Ministero della salute ha pubblicato le “indicazioni strategiche”. E’ confermata la linea del ritorno alla normalità. Al momento però il documento nonha alcun valore.

Linee guida Covid, confermato il ritorno al passato

Linee guida Covid. Il 5 agosto sono state pubblicate. Ora è chiaro il percorso che le scuole devono seguire. Ovviamente il documento resta prudenziale, tenendo contro della natura processuale dell’epidemia. Non a caso propone due livelli. Il primo richiama le misure coerenti (molto blande) con il quadro attuale, Il secondo, invece ipotizza alcune soluzioni in caso di probabile recrudescenza dell’epidemia nel periodo autunnale-invernale.
Il documento del Ministero della salute difetta di organizzazione grafica, quindi propongo la sintesi di Flc-GCIL

“Sono individuate le seguenti misure di prevenzione di base:

  • Divieto di permanenza a scuola in presenza di sintomi/febbre o con test diagnostico positivo
  • Raccomandata l’igiene delle mani ed “etichetta respiratoria”
  • Obbligo di utilizzo di mascherine FFP2 per il personale scolastico e gli alunni “a rischio di sviluppare forme severe di COVID-19”
  • Obbligo di sanificazione ordinaria (periodica) e straordinaria in presenza di uno o più casi confermati
  • Strumenti per gestione casi sospetti/confermati e contatti
  • Ricambi d’aria frequenti mediante la sola apertura delle finestre

In caso di eventuali esigenze di sanità pubblica o di cambiamenti del quadro epidemiologico sarà necessario adottare ulteriori misure:

  • Distanziamento di almeno 1 metro (ove le condizioni logistiche e strutturali lo consentano)
  • Precauzioni nei momenti a rischio di aggregazione
  • Aumento frequenza sanificazione periodica
  • Gestione di attività extracurriculari, laboratori, garantendo l’attuazione di misure di prevenzione
  • Mascherine chirurgiche, o FFP2, in posizione statica e/o dinamica (da modulare nei diversi contesti e fasi della presenza scolastica)
  • Concessione palestre/locali a terzi con obbligo di sanificazione
  • Turnazione nelle mense per la somministrazione dei pasti
  • Consumo delle merende al banco

Al momento è solo un documento

Quindi si torna al periodo antecedente il febbraio 2020. Niente distanziamento, mascherine, misure in caso di quarantena, controllo della temperatura…
Inoltre, Il documento conferma la tendenza a non considerare utile l’installazione dei sistemi di ventilazione. Per questi i tempi ormai sono scaduti, tenendo presente anche alla complessità delle pre azioni. Tramontata anche la soluzione di reperire ambienti per anticipare l’abolizione delle classi pollaio. Ormai la iattura pedagogica è ferma su un binario morto, dopo le diverse dichiarazioni di P. Bianchi che ne ha ridimensionato il problema a una questione tecnica (parametri D.P.R. 81/09).
La mancata attuazione di questi due provvedimenti conferma la miopia della politica a non investire in prospettiva in una scuola sicura. Scelta poco oculata, teneno presente che ormai abbiamo sperimentato la maggiore precarietà individuale e sociale (società del rischio, U. Beck).
A queste considerazioni occorre aggiungere che “il documento dell’Iss cita proprio il decreto legge n°24 del 24 marzo 2022 ed eventuali successivi aggiornamenti. Con questo decreto, convertito in legge (n°52 del 19 maggio 2022) sono entrate in vigore dal 1 aprile 2022, finito lo stato d’emergenza, nuove modalità di gestione dei casi di positività… che resteranno in vigore, come stabilito dalla stessa norma, fino alla fine dell’anno scolastico 2021/2022, cioè fino al 31 agosto 2022.” (ItaliaOggi, 9 agosto).
In sintesi il documento non ha alcuna sponda normativa, quindi rischia di essere un solo documento. Da qui la domanda: il governo ignorerà il problema, decretando di fatto l’abbandono di ogni cautela? Le prossime settimane daranno la risposta.