Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

Lo “scivolone comunicativo” della Giannini

dtZD9XiU_400x400

Ancora troppi docenti applicano il vecchio modello di insegnamento: io sto in cattedra, spiego e voi ascoltate”. Ecco perché, a partire da dicembre, gradualmente, tutti i 750 mila insegnanti torneranno sui banchi di scuola”
Il Ministro Giannini ne ha fatta un’altra delle sue.
Nel presentare il piano di formazione ha sbagliato la forma di comunicazione. Cosa è arrivato all’insegnante? Sinteticamente: egli è considerato un alunno ( e già questo lo colloca su un piano non professionale ) refrattario allo studio e all’aggiornamento ,  e quindi ha bisogno che la “maestra” Giannini lo costringa ad aggiornare il proprio bagaglio culturale, professionale, metodologico e organizzativo.
La “maestra” Giannini dimentica che la scuola, se è riuscita a mantenere la qualità del prodotto, è perché i docenti a spese loro ( basti pensare solo alle spese di viaggio ) si sono aggiornati. E questo, in molti casi è costato tanto, considerato il blocco del Contratto Nazionale che dura da sette anni, il congelamento degli scatti stipendiali… Gli insegnanti sono riusciti a mantenere alta la qualità del loro lavoro, dimostrando una corrispondente motivazione e passione nonostante la conferma delle classi pollaio, l’introduzione di quelle superpollaio, il bollino di ” assenteisti”, “sfaticati”, “privilegiati”. A questi profili poco rispettosi del loro lavoro si è aggiunto anche quello di ” poco equilibrato”, per via dei continui fatti di cronaca di violenze fisiche sui minori affidati.
Tutti questi profili negativi e anche offensivi stridono con un sondaggio Demos ( 2015 ), dal quale emerge una fiducia molto alta degli italiani verso la scuola e gli insegnanti
La ministra  Giannini è partita male su una questione molto delicata e che si prospetta complessa anche dal punto di vista contrattuale. Pare che le ore di aggiornamento, che non saranno poche, faranno parte dell’orario di servizio e senza esoneri parziali dall’insegnamento, confermando la tendenza a “gonfiare” il profilo docente con nuovi impegni, ma senza riconoscimenti o facilitazioni.( Animatori Digitali, Team dell’innovazione…)  E queste due condizioni non sono favorevoli all’accettazione del Piano di formazione. Indubbiamente l’iniziativa è positiva, purtroppo però le dichiarazioni   della  Ministro e i contesti non stanno preparando il terreno per la sua implementazione   che porti realmente ai risultati sperati. In altri termini: si sta servendo un menu interessante e gustoso, ma in piatti sporchi. Ho l’impressione che la Ministra prima di proporre la formazione agli insegnanti, debba farla lei, sicuramente sulla comunicazione efficace.