Posted in: PNSD, Tutti gli articoli

Lo squilibrio tra i doveri e diritti delle figure del PNSD

CSPUYXSWUAAPfhQ-800x322

Gli Animatori Digitali e i componenti del team dell’innovazione, nuove figure nate all’interno del PNSD, si stanno caratterizzando per uno squilibrio tra i doveri  e il diritto ad avere una adeguato compenso.
Infatti, mentre il Ministero e anche molti interventi di “illuminati” si sprecano nell’illustrare i compiti di queste figure, nulla si dice sul compenso.
Anche nell’ultima comunicazione sulla richiesta di individuare docenti e non a ricoprire le funzioni del Team dell’innovazione, si parla di tutto ma non del riconoscimento economico.
In tutto questo c’è qualcosa che non funziona. Come chiamare questa nuova configurazione? Al Miur e dintorni la chiamano ottimizzazione delle risorse. Non oso esprimermi, per non urtare la sensibilità di qualcuno, ma sono sicuro che chi legge penserà la mia stessa cosa.
Siamo arrivati a questo punto grazie al messaggio di grande rinforzo che è arrivato dagli 8.300 ca animatori digitali che hanno accettato al buio un incarico, senza sapere quante ore di formazione dovranno fare, qual è la soglia di prestazione minima perché l’attività  possa essere valutata positivamente…
Tutto questo, ovviamente  e altro ancora, rimane nel vago, in quanto non regolamentato da un contratto che nella maggior parte dei casi prevede un compenso. Ma ai colleghi interessa avere un contratto che configuri questa attività aggiuntiva come un lavoro fatto di doveri e diritti?