Posted in: Opinioni

Lorenzo Fioramonti a “Otto e mezzo”, la conferma dell’insignificanza della scuola

L. Fioramonti
L. Fioramonti, ormai è convinto. Non otterrà i tre miliardi per non far annegare la scuola. Confermata l’insignificanza mediatica della scuola.

Lorenzo Fioramonti, il Ministro è intervenuto a   Otto e mezzo.  La mimica del volto conferma che la scuola è insignificante.   A questo possiamo  accostare un altro parametro: il tempo!

L. Fioramonti e il suo intervento a Otto e mezzo

L. Fioramonti, Ministro dell’istruzione è intervenuto alla trasmissione Otto e mezzo. Lo ha fatto in veste in rappresentante del Governo.
Aprendo il discorso sulla scuola, L. Gruber ha chiesto, apostrofato da un “finalmente” del Ministro: “Ora appare chiaro che questi  tre miliardi non ci saranno, quando si dimetterà?” Il Ministro ha risposto sostanzialmente “Datemi la possibilità  di completare la sua opera (maratona), poi alla fine trarrò le conseguenze. “

Alcune brevi riflessioni

Andiamo oltre le parole e cerchiamo di cogliere le sfumature e il non detto del Ministro.
Appare chiaro che l’obiettivo dei tre miliardi non sarà conseguito. Il Ministro Fioramonti non riuscirà neanche a sfiorarlo. La conferma proviene dalla mimica del volto (0:19 del video) che non riesce a nascondere l’amarezza e l’impotenza.  Sentimenti di un uomo che crede nel valore dell’istruzione, ma che si sta rendendo conto che la politica è subordinata al finanzcapitalismo che si è fatto mondo, colonizzando il materiale e l’immaginario contemporaneo (D. Fusaro).
Ma la mimica del volto non rientra completamente nell’oggettività, perché lascia spazio a interpretazioni alternative.
Il dato incontestabile è la  durata dell’intervento di Fioramonti (2:20 verso la fine e su 30:54 di trasmissione), come Ministro dell’Istruzione. Da qui l’immagine di una scuola ridotta a breve comparsa, perché insignificante. Qualche settimana fa L. Azzolina (sottosegretario al Miur) ha dichiarato che di scuola si parla poco, perché non fa audience! Non buca lo schermo, perché interessa poco! Nonostante i quasi 8 milioni di allievi e studenti coinvolti. Non parliamo poi dei genitori.
A questo punto non è azzardato affermare che L. Fioramonti è un Ministro pro tempore che si dimetterà probabilmente a Natale. Se lo farà sarà un bel segnale e nello stesso tempo certificherà la morte della scuola per annegamento.