Lorenzo Fioramonti al Miur, una scelta (quasi) obbligata

Ministro Fioramonti

La nomina di Lorenzo Fioramonti a responsabile del Miur non è stata una scelta casuale.

Lorenzo  Fioramonti nominato responsabile del Miur. Ha rilasciato una nuova intervista, confermando la strategia del cacciavite rispetto alla Legge 107/15. Ecco spiegato il motivo della sua nomina.

Lorenzo  Fioramonti responsabile del Miur, una scelta  (quasi) obbligata

Lorenzo Fioramonti (M5s), nuovo Ministro dell’istruzione. Previsione facile, facile! Tenendo presente che il nuovo governo è retto anche dal Pd, non era difficile formulare un’ipotesi di un Ministro pentastellato tiepido verso l’abrogazione della  legge 107/15. Quindi niente superamento della “Buona Scuola”, come era scritto nel contratto giallo-verde.
Il Ministro lo aveva fatto capire. Qualche giorno fa, prima di essere nominato, ha rilasciato un’intervista parlando di classi pollaio, contratto e precari, dimenticando però la legge 107/15.

La strategia del cacciavite, la chiave di lettura

Ora, però quello che si intuiva è stato rivelato dallo stesso Ministro. Utilizzerà la strategia del cacciavite (Fioroni 2007) tesa a ottimizzare la “Buona scuola”. Ha dichiarato ieri: “L’impianto della ‘Buona Scuola’ va smantellato? Come si fa a trovare un accordo con il Pd con i gruppi ancora renziani? Serve andare oltre, già lo scorso governo aveva deciso di mantenere le cose positive, ma andare oltre, ripeto, su grandi criticità come chiamate dirette e trasferimento sul territorio nazionale degli insegnanti. Oggi il Pd rappresentato in Consiglio dei ministri è diverso rispetto a quei tempi, è anche un’indicazione per un percorso innovativo. Vedremo come trovare una soluzione politica
Se verrà nominata come sottosegretaria L. Azzolina ( anch’essa tiepida verso l’abrogazione della “Buona Scuola”), allora riceveremo l’ultima e definitiva conferma.

Questa voce è stata pubblicata in Ministro Fioramonti, Tutti gli articoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.