Lorenzo Fioramonti (M5s) si candida al Miur: conferme…

La candidatura di L. Fioramonti

Lorenzo Fioramonti si candida e scopre le carte per la scuola del governo Conte 2

Lorenzo Fioramonti (M5s) si autocandida per la funzione di Ministro dell’Istruzione. La sua intervista conferma alcune tematiche, mette in stand-by gli aumenti e dimentica soprattutto…

Lorenzo Fioramonti, si candida e propone…

Lorenzo Fioramonti, ancora per poco sottosegretario al Miur (governo giallo-verde), propone la sua candidatura a Ministro dell’Istruzione. Interessanti i temi che propone. Potrebbero essere una sorta di anticipo del programma del probabile esecutivo giallo-fucsia (difficile attribuire al Pd il tradizionale colore rosso dei partiti marxisti o gramsciani).
Ha dichiarato al Corriere della Sera, intervista ripresa da Tecnicadellascuola.it: “Mi piacerebbe portare avanti il percorso che ho iniziato… La scuola, la formazione e la ricerca  devono essere al centro del programma perché ormai la conoscenza è il nuovo petrolio… Ci vogliono – spiega – investimenti di rilievo, certo. Qualcosa abbiamo già fatto con il governo passato”, “abbiamo fatto alcuni provvedimenti importanti ma non significativi. Credo che serva un miliardo aggiuntivo per l’Università e due per la scuola: dobbiamo dare un orizzonte a scienziati e ricercatori che a 45 anni sono ancora supplenti e a quegli insegnanti precari da molti anni…Con i due miliardi indicati, però, non si risolverebbe il problema degli stipendi del personale scolastico, tra i più bassi dell’Unione europea. “Vedremo le possibilità, di certo dobbiamo risolvere il problema delle classi pollaio: i miei figli vanno a scuola in Germania e lì sono 21 in classe”.

Alcune interessanti  conferme

L’intervista conferma l’intenzione di superare la iattura organizzativa e pedagogica delle classi pollaio e contribuire alla riduzione del precariato.  Il primo tema è stato rilanciato da Luigi Di Maio e sempre sostenuto dalle insegnanti-parlamentari Lucia Azzolina e B. Laura Granato. Quest’ultime hanno manifestato . inoltre, l’impegno a stabilizzare i precari. In particolare L.Azzolina ha recentemente dichiarato: “Così come – prosegue la parlamentare 5S – non è mai arrivato il placet su quota 100 che ho sempre pensato che potesse essere una buona occasione per il mondo della scuola intervenire sul problema del precariato. Io personalmente avevo chiesto che almeno si potesse pensare ad assunzioni da farsi con decorrenza giuridica 1° settembre 2019 e decorrenza economica settembre 2020.”

Vaghezza sul contratto e la dimenticanza sulla Legge 107/15

Ovviamente i suddetti provvedimenti costano. Ecco giustificato il “vedremo” sul contratto economico che C. Sgambato (, insegnante e responsabile scuola del Pd) ha annunciato di voler  avvicinare allo standard europeo.
Nessun cenno sull’abrogazione della Legge 107/15. Non può essere altrimenti! La “Buona Scuola” è un provvedimento voluto dalla componente renziana del Pd che ha sempre attribuito il suo insuccesso  alla pessima comunicazione (Renzi, Sgambato).

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.