Lorenzo Fioramonti, una ventata d’aria fresca al Miur?

Lorenzo Fioramonti

Lorenzo Fioramonti riuscirà a migliorare la scuola? Attendiamo le prime decisioni e il suo programma

Lorenzo Fioramonti è il nuovo Ministro dell’Istruzione. Alcune anticipazioni fanno capire che l’aula ridiventa strategica. Era ora!!!

Lorenzo Fioramonti, una sorpresa,ma coerente con le linee programmatiche

Lorenzo Fioramonti è il nuovo Ministro dell’Istruzione. Ho scritto che egli poteva essere la sorpresa. E così è avvenuto! Avrei preferito un docente con esperienza di aula come Bianca Laura Granato,  Lucia Azzolina o Nicola Morra.
Cosa ha portato G. Conte a scegliere un professore universitario? Difficile dirlo. Sicuramente il suo profilo è coerente con quanto dichiarato da L. Di Maio, quando parlando di scuole come bene comune, individuava due priorità: il superamento delle classi pollaio e la valorizzazione dei docenti.
La sua nomina va comunque accolta positivamente. Il M5s ha preso coraggio, chiedendo il Miur , dopo averlo consegnato  al leghista M. Bussetti. Grande senso di maturità  del M5s, ma anche assunzione dei rischi insiti nella funzione. E’ bene ricordare che al crollo elettorale del Pd e quindi di Matteo Renzi (2018) ha contribuito anche la scuola.                    La decisione del M5s ha chiuso le porte a qualunque esponente renziano che avrebbe sicuramente riportato le lancette indietro, rispetto al governo Ms5-Lega. Mi riferisco al possibile ripristino tout court della legge 107/15, ritenuta da Matteo Renzi ( Avanti, 2017) un provvedimento positivo che però ha sofferto per via del corto circuito comunicativo con la scuola.

Per il nuovo Ministro il percorso è già tracciato

Qualche giorno fa sono state rese note le linee programmatiche del Governo M5s-Pd.
Sul  portale OrizzonteScuola è apparso un articolo con un paragrafo i “Punti del programma“. Si legge: 
E sulla scuola come bene comune che il testo scende maggiormente nei dettagli.
Occorre – leggiamo – tutelare i beni comuni, a partire dalla scuola pubblica: è necessario intervenire:

  1. contro le classi troppo affollate
  2. valorizzare, anche economicamente, il ruolo dei docenti,
  3. potenziare il piano nazionale per l’edilizia scolastica
  4. garantire la gratuità del percorso scolastico per gli studenti provenienti da famiglie con redditi medio-bassi,
  5. contrastare la dispersione scolastica e il bullismo

L’aula riprende il palcoscenico

Interessante il tema che occupa il primo posto. Del resto è ovvio che sia così. La scuola, gli insegnanti hanno senso solo intorno all’aula. Oggi questo ambiente è contaminato e appesantito dall’entrata a gamba tesa del financapitalismo che ha imposto le “compatibilità economiche”. Da qui le classi pollaio.
Recentemente il giornalista G.A. Stella ( Corriere della Sera 30 agosto 2019) ha mimizzato il problema riducendolo a un 0,34% di presenza dell’obbrobrio imposto dal duo Gelmini-Tremonti. Purtroppo il dato fa riferimento a un valore medio eccessivo per classe di 30 alunni, come riferito da Tuttoscuola.
Il superamento delle classi pollaio richiederà molte risorse. Stesso discorso vale per gli altri punti. Staremo a vedere. Vale in questo caso il detto “Risparmiare sull’istruzione significa investire sull’ignoranza.
Intanto attendiamo le indicazioni programmatiche e le prime decisioni del Ministro Fioramonti: la nomina dei sottosegretari e l’attribuzione ad essi delle deleghe.