Lucia Azzolina, le ragioni di non chiudere le scuole

 Lucia Azzolina

La Ministra Azzolina conferma: “Le scuole non chiuderanno!” Quali le ragioni di questa posizione?

Lucia Azzolina, conferma la non chiusura delle scuole. Dietro questa nuova conferma ci sono diverse ragioni. Resta la domanda.

Lucia Azzolina, l’ultima conferma

Lucia Azzolina, Ministra dell’Istruzione, conferma la sua posizione sull’eventualità della chiusura delle scuole. Non del singolo istituto, bensì di tutto il sistema scolastico, come è avvenuto a marzo. “Richiudere le scuole? Non se ne parla: se i contagi cresceranno ancora nel Paese bisognerà casomai intervenire sull’accesso ai mezzi pubblici, limitare le attività ricreative pomeridiane dei ragazzi, impedire le feste“.

Le ragioni che stanno dietro “le scuole non si chiudono”

La Ministra  e il Governo non aggiungono nulla di nuovo. Continuano per la loro strada: “le scuole non chiudono”.
Quali sono le ragioni di questa posizione che ignora  la tendenza ormai innescata dei contagi?
Innanzitutto il governo non può chiudere l’intero sistema scolastico dopo un mese dalla riapertura. Sono stai investiti risorse significative che impediscono la chiusura e quindi la probabile dura critica di aver “bruciato tanti soldi” per appena trenta giorni di apertura.
Ha dichiarato la Ministra: “Per la riapertura a settembre la ministra sono stati stanziati 2,9 miliardi di €. una cifra non banale, nessun altro Paese europeo ha messo tante risorse sul capitolo ripartenza“.
Seconda ragione: la chiusura delle scuole bloccherebbe la produzione (molti genitori sarebbero costretti a rimanere a casa) con inevitabile conseguenze sulla tenuta economica del Paese.
Terza ragione: altri Paesi in condizioni peggiori non hanno chiuso tutte le scuole! Penso alla Francia, alla Spagna e alla Germania. Quindi  se non lo fanno loro, perché dovremmo chiudere noi con una situazione migliore?
Ultima ragione: la Ministra e il Governo sono convinti che i contagi hanno origine esterne alla scuola. Sarà vero, intanto però l’esposizione aumenta, grazie anche alle scuole.
Resta un interrogativo: quale sarà il limite massimo che giustificherà un cambio di posizione? Saremo nelle condizioni di invertire la tendenza dei contagi, delle terapie intensive e dei morti?