M. Mussini. Una possibile soluzione classi pollaio.


Sul sito di tecnicadellascuola.it a firma di R. Palermo è stato pubblicato questo articolo.
Riprende una lunga dichiarazione della Senatrice M. Mussini ”  Il ministro Fedeli, visto che è convinta che gli insegnati dovrebbero essere pagati il doppio rispetto a quanto percepiscono – dichiara la senatrice Mussini – potrebbe cominciare almeno col dimezzare o ridurre di due terzi [ma forse la senatrice intende dire ridurre a due terzi, ndr] il numero di studenti per classe. In questo modo in attesa di trovare il coraggio per uniformare i salari della docenza italiana a quella del resto d’Europa, si potrebbe in parte alleviare la fatica di maestri e professori  sulle cui spalle, da venti anni a questa parte, pesano anche tutte quelle responsabilità che società e famiglie oberate dalle difficoltà non riescono più ad assumersi”.
Una interessante proposta che ha il merito  di “far uscire” il Ministro Fedeli dal contesto rassicurante dell’annuncite vuota e inconcludente ( raddoppio stipendi, classi non differenziali per sesso…). Mi attendo una risposta! Sicuramente questa non arriverà, perché il Ministro ha scelto la linea dei suoi predecessori di parlare, parlare, parlare. Questa modalità di comunicazione ha il grande vantaggio di non impegnare chi la mette in pratica.
In merito ai costi economici, comprendo le perplessità di R. Palermo. Apro, però alla seguente riflessione: quali sono i costi sociali e culturali in prospettiva di una formazione condizionata pesantemente dal numero eccessivo di alunni? E prima ancora, ritengo che qualunque ragionamento economico decada di fronte ai possibili rischi per l’incolumità fisica  degli alunni e studenti, esponenzialmente molto alti in caso di terremoti o eventi imprevedibili.
Prevedo la solita obiezione: non si sono le risorse! Non credo! Le recenti crisi bancarie hanno smentito la “balla”. E’ solo una questione di priorità! Purtroppo la nostra classe dirigente è fortemente condizionata dai dettami finanziari, meno da quello riguardanti la sicurezza e la formazione.
Ricordo e chiudo che le classi pollaio o superpollaio sono state dichiarate incostituzionali da diverse sentenze, risultando anche fuori da ogni previsione contenuta nel D.M. 81/09 che ha stabilito il numero alunni in rapporto alla cubatura delle classi.

Questa voce è stata pubblicata in Classi pollaio, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.