Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

M. Parodi, un pessimo servizio allo studio serio, dimenticando…

M. Parodi
“In cima non si arriva mai in elicottero!”

M. Parodi,  Dirigente Scolastico a Genova ha rilasciato un’intervista che magistralmente mette sul banco degli imputati gli insegnanti, nascondendo l’accusa dietro la presentazione dell’idealtipo dello studente. Dimentica, però le responsabilità della politica.

M. Parodi, l’intervista

Sul portale “Oggiscuola” è apparso un lungo e articolato intervento di M. Parodi sui mali della scuola. Apparentemente mette evidenzia il malessere degli studenti. Il suo bersaglio, però, sono i docenti.
Leggiamo alcuni passaggi:
“Il problema della scuola sono gli studenti. Senza gli studenti la scuola funzionerebbe benissimo. Arrivano a scuola senza sapere niente ed escono dalla scuola senza sapere niente… Perché vengono a scuola? A che fare? Ad ascoltare lezioni interminabili, soporifere, ammorbanti: docenti che parlano, parlano, parlano di cose più o meno comprensibili, sensate, cercando di resistere alla noia, al sonno, alla voglia di scappare… Non sanno niente e non imparano niente… ora dopo ora, giorno dopo giorno, mese dopo mese. anno dopo anno, nell’illusoria attesa di vacanze agognate e negate, di fatto, per l’accanimento morboso ( in Italia si rasenta la crudelta mentale) di insegnanti che tentano di avvilire qualsiasi propensione alla “ricerca”(e quasi sempre ci riescono), infliggendo finanché i compiti per le vacanze, appunto.”

Quale profilo di studente?

Tutta l’intervista, che invito a leggere e rileggere, presenta uno studente svogliato, distratto perché la proposta formativa è noiosa, impegnativa… Da qui la sottile accusa ai docenti che presentano questo menu poco gradito.
Dispiace che il pensiero sia espresso da una persona di scuola, che dovrebbe conoscere il “dark side” dello  studio che rimanda alla fatica, all’impegno, all’acquisizione di nozioni e abilità non sempre interessanti. Dietro una persona competente e appassionata ci sono ore, giornate passate a studiare, a ripetere procedure, allenamenti. Ognuno di questi momenti costituisce un punto, o una virgola. In altri termini una breve pausa per ripartire e conseguire altri obiettivi. E questi richiedono nuovi impegni, non sempre coinvolgenti.  Parafrasando K. Popper lo studio non avrà mai fine!

“In cima non si arriva con l’elicottero!”

Il preside, invece, semplifica la realtà. Presenta un profilo di studente prigioniero del principio del piacere, che si contrappone a quello della realtà, spesso aspra e spigolosa. Lo ripeto  agli alunni e studenti che incontro ” In cima alla montagna non si arriva mai in elicottero! Occorre affrontare sentieri e tratti quasi sempre impegnativi. E spesso sudare, allontanare la soluzione facile di abbandonare l’impresa. Ma quando si arriva in cima, la gioia è immensa”. A supporto persento l’esempio di Federica Pellegrini che per gareggiare ad alti livelli, ogni giorno si allena in vasca per diverse ore. Non credo sempre in modo divertente! Suppongo che il percorso culturale e professionale di M. Parodi non sia stato facile e senza fatica! Leggo dalla sua biografia che è un  formatore, ricercatore…

L’informatica, un esempio

Spesso i ragazzi si accostano al mondo dell’informatica seguendo unicamente il principio del piacere e dell’utilità. Da qui la conoscenza di poche procedure. Si illudono che l’informatica sia un “Luna Park”, una “sala gioco”.
Quando questa diventa materia  in vista degli esami Ecdl o Eipass, allora si fa l’esperienza  dello studio e delle esercitazioni, determinando fughe dalla realtà, attraverso gli abbandoni. Spesso con la complicità dei genitori-chioccia.

M. Parodi dimentica le responsabilità della politica

Quando il Preside Parodi presenta le “aule anguste, spoglie, disadorne o sordide, sovraffolate…”, dimentica le responsabilità della politica. Questa negli ultimi quindici-venti anni ha considerato la scuola un semplice bancomat, trasformando le aule in ambienti “diseducativi” e “compressi” ( classi pollaio). Se poi aggiungiamo i provvedimenti che hanno contribuito a demotivare gli insegnanti, allora il quadro si completa.