M. Renzi, annuncia una nuova riforma della scuola. Cosa nasconde?

Matteo Renzi

Matteo Renzi è tornato presente. Risponde alla strategia comunicativa dell’esserci post-moderno

M. Renzi, torna a parlare di scuola, anticipando che sta pensando a una riforma post- 107/15. Come interpretare questa sua intenzione? Quale strategia si nasconde ?
Alcune risposte.

M. Renzi, annuncia una nuova riforma della scuola

M. Renzi, da quando ha fondato il nuovo partito Italia Viva è tornato presente nella vita politica. Il cambio di passo era iniziato con la benedizione al nuovo governo giallo-rosa (agosto 2019).
Non passa giorno che non dichiara qualcosa.
La scuola non è rimasta fuori. Qualche giorno ha dichiarato: “Stiamo lavorando a una nuova iniziativa legislativa sulla scuola ma visto che l’ultima volta ci hanno massacrato, forse serve un approccio diverso per il futuro partendo dal basso. E dico ai ragazzi di fare sentire la loro voce alla politica”

Cosa c’è dietro il  movimentismo di Renzi?

Come interpretare questa rinascita di M. Renzi? Cosa c’è dietro il  presenzialismo del leader fiorentino?
Una caratteristica del contesto post-moderno è la presenza. In altri termini è necessario essere visibile. Nel web e nella vita reale. Non importa cosa si dice o si scrive, l’importante è esserci e far parlare di sé,  anche per un  contenuto non  condiviso o fuori luogo.
Ora Matteo Renzi, essendo un personaggio politico di peso, diventa difficile ignorare i suoi segnali. Politicamente questo comporta un possibile vantaggio in termini di consenso. Sul Fatto Quotidiano di oggi (8 ottobre) R. Polverini, ex sindacalista ed ex governatrice del Lazio, attualmente deputato di FI e in procinto di passare a Italia Viva, dichiara: Matteo Renzi “Con le interviste ha già fatto il quattro (%)”
A questo però aggiungo un elemento positivo. Implicitamente M. Renzi, prende le distanze dalla Buona Scuola. Formalmente ha sempre ammesso un errore di comunicazione ( Avanti 2007 e interviste seguenti). Oggi  ammette che occorre un approccio diverso, riconoscendo le criticità sulla’comunicazione. Probabilmente però, senza dichiararlo, il suo ripensamento riguarda anche i contenuti.
Scrivo “Forse”. Potrebbe anche essere una strategia per distinguersi dal governo che invece non ha alcuna intenzione riformistica, limitandosi ad applicare la strategia del cacciavite (Fioroni 2007).
Le prossime dichiarazioni, se ci saranno, ci aiuteranno a chiarire la strategia.

 

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.