Posted in: Opinioni, Tutti gli articoli

M5S-Pd, l’abbraccio mortale per la scuola (e non solo)

M5S-Pd
Uno strappo di difficile soluzione.

M5S-Pd, un potenziale governo. Tutto bene? Se ci fermiamo alla superficie, all’annuncio l’opzione è ottima. La lettura dei programmi, danno un altro messaggio.

MS5-Pd, un matrimonio impossibile

La vicenda riguardante la formazione del nuovo governo, sembra in dirittura d’arrivo. Il M5S ha chiuso la via di comunicazione con la Lega. I suoi occhi si sono rivolti al Pd. Non la ritengo una buona scelta, anche se molti commentatori politici la supportano come una via obbligata. L’argomentazione è semplice: molti elettori pentastellati rappresentano i delusi del Pd. Aggiungo di quello che è divenuto: un’entità polimorfa, liquida con grammi zero di sinistra. La responsabilità non è attribuibile a Matteo Renzi. Egli ha concluso un processo avviato con W. Veltroni, come ben argomentato da Sansonetti ( La “Sinistra è di destra” da me qualche mese commentato ). Con questo esponente politico, che ha avuto come padre politico M. D’Alema, il PCI nella sua evoluzione nominalistica, ha abbandonato i profilo etico e poi socialdemocratico-laburista  a vantaggio  di quello democratico- riformista. Scrivono P. Natale e Luciano M. Fasano in “L’ultimo partito. 10 anni di partito democratico” l’obiettivo è governare tutto il paese ( “il partito della nazione”) “con parole d’ordine e azioni politiche meno liberiste, con un mix delel componenti classiche della dicotomia stato-mercato”
Da qui le critiche del M5S al Pd renziano.

MS5-PD, un abbraccio mortale per la scuola

Ieri il segretario reggente del Pd ha dichiarato che il punto di riferimento è il loro programma. Traduzione: la conferma della Legge 107, della Riforma Fornero, e del “jobs act”. Se si legge il programma dei pentastellati, invece, i contenuti sono diametralmente diversi. Si cita implicitamente il superamento del “Jobs Act” (Punto 3). Esplicita invece l’intenzione di andare oltre la “Buona Scuola” ( punto 17) e la “Legge Fornero” (punto 20) Non esistono punti di contatto. E quindi non potrà mai scattare il “feeling” con il Pd. A meno che il Partito Democratico non  volti pagina rispetto al suo recente passato. In altri termini, non avvi il processo di “derenziazione”. Obiettivo molto difficile, tenendo presente che quasi tutti i parlamentari sono di fede renziana.
Se il “matrimonio impossibile” con il Pd renziano dovesse diventare realtà, difficilmente avremo un Ministro al Miur “anti Legge 107/15” ( qualcuno ha fatto il nome della renziana Malpezzi, sostenitrice della “Buona scuola”) e al Lavoro un  esponente anti “Jobs act” e legge Fornero”.

Operazione assimilazione del M5S al progetto del Pd

Se questo diventerà realtà assisteremmo all’assimilazione del M5S al progetto del Pd renziano, espressione della capitolazione finale della sinistra al verbo del finanzcapitalismo (L. Gallino).
A questo punto del m5S rimarranno solo le belle parole. E a noi il Nulla!