Posted in: Legge 107/05, Tutti gli articoli

Ma perché sempre così arrendevoli?

Ieri sera Lilly Gruber ha trattato la protesta della scuola. Ha invitato D. Faraone e un giornalista del “Il Giornale e il collega G. Cocchi.
Impressioni: il collega mi è sembrato arrendevole, timoroso e soprattutto si è mosso sul solco del Disegno di Legge. Ha ribadito molti luoghi comuni ( autonomia, soldi alle private… ). Faraone e il giornalista hanno avuto vita facile, ribadendo il sospetto che gli insegnanti non vogliono essere valutati.
Personalmente sono sempre più convinto che La Riforma è totalmente sbagliata, perché non affronta i reali problemi della scuola e soprattutto ignora le persone che vivono ogni giorno nella scuola.
Quindi ecco cosa chiedere con forme di lotta condivise ma incisive:
1) lo stop alla discussione inutile riguardante il  Disegno di legge;
2) un decreto per la stabilizzazione dei precari;
3) un nuovo disegno di legge che parta soprattutto dall’abolizione delle classi pollaio e la messa in sicurezza di tutte le scuole con lo stanziamento di 12 miliardi di €.
Sul primo punto aggiungo solo  che ogni insegnante di qualità  rischia di diventare scarso in presenza di classi numerose ( 28-32 )  e con la presenza di disabili, Dsa e Bes.
Sulla chiamata da parte dei Dirigenti Scolastici sono dell’idea che questa deve essere il risultato di una riflessione condivisa tra i diversi attori dell’Istituzione scolastica.
Ovviamente l’insegnante deve essere adeguatamente retribuito, tenendo conto del suo ruolo strategico per il bene del Paese.
In Giappone l’unica categoria che non deve inchinarsi davanti all’imperatore è il docente. Ci sarà un motivo.

Guarda trasmissione