Posted in: Esperienze, Formazione, Mappe concettuali, Tutti gli articoli

Mappa concettuale e testo: questo matrimonio s’ha da fare

Nei corsi di formazione/aggiornamento per progettare con le mappe concettuali è quasi sempre assente la relazione con il testo scritto. Quando quest’ultimo sono proposti lo sono senza alcun adattamento con le mappe concettuali. Risulta essere un semplice copia/incolla. Considerato il punto di vista del relatore, questa soluzione risulta la più conveniente, in quanto non richiede alcun intervento del relatore. In questo modo però si fa un “cattivo servizio” alle mappe, creando un disorientamento cognitivo in chi deve usarle, in quanto l’organizzazione del testo risulta asimmetrico rispetto alla rappresentazione dei concetti. In altre parole la loro presenza si riduce alla presentazione con funzione di anticipazione dei contenuti proposti nel capitolo che segue, il quale oltre a non essere coerente nella struttura formale con la mappa concettuale, risulta spesso privo di segnalatori dei concetti principali. Pessimo servizio alle mappe concettuali, ma anche alla implementazione e diffusione del metodo di studio, il quale si caratterizza anche per la circolarità dei poli         analisi/sintesi. Quale la soluzione? La strutturazione per paragrafi, ognuno dei quali rimanda al concetto contenuto nella mappa “magra” ( presenza di pochi concetti ), la quale si presta molto allo sviluppo concettuale. http://maestroscialpi.altervista.org/corsi-proposti-3/un-ipertesto-con-powerpoint/

http://maestroscialpi.altervista.org/corsi-proposti-3/la-ricerca-attiva-nel-web-metodo-sewcom/

http://maestroscialpi.altervista.org/corsi-proposti-3/corso-una-tesina-multimediale-e-ipertestuale-2/