Posted in: Esperienze, Formazione, Informatica, Mappe concettuali, Tutti gli articoli

Mappe concettuali, informatica… manca la profondità

come-semplificare-lo-studio_c7af50fe29f2eb99962778244329947c
In quest’ultimo periodo sto riflettendo sugli approcci  alla realizzazione di mappe concettuali e all’uso del computer di persone vicine a me.
Purtroppo ricevo conferme al ribasso. In altre parole mi trovo di fronte a rappresentazioni concettuali improvvisate, dove non sono chiari i criteri che sottendono  questi lavori, malcelando una contradditorietà tra gli stessi principi regolatori. Inoltre le mappe sono proposte nella versione light, ossia cartacea. Queste infatti non impegnano l’autore su progetti più complessi che richiedono la conoscenza di software, delle teorie di apprendimento  e gli sviluppi ipertestuali e dinamici.
Medesima sensazione ricevo anche in campo informatico. Incontro molto frequentemente  persone che conoscono poche procedure informatiche, che spesso si identificano solo con i loro bisogni di navigazione nei Social Network. Queste operazioni sono poi supportate da una terminologia inadeguata, imprecisa e spesso presa a prestito   da altri contesti come l’espressione ” batto la tastiera”…
Cosa accomuna questi due approcci?  La superficialità,  la navigazione a vista, la conoscenza episodica e contingente, manifestazioni  in ultima battuta di un’assenza di passione per il sapere autentico.  Tutto questo porta la persona a rimanere irretito nell’ovvio, nel banale nel “così fan tutti”
Invece lo studio sistematico e continuo , dove si incontrano l’ordine, i criteri, la profondità concettuale danno poi la possibilità di individuare percorsi e strategie che vanno oltre l’evidente, In questo contesto  la ricerca diventa continua in un gioco di raggiungimento della meta e  di immediata ripartenza. Credo di intendere cosa ha voluto dire P. Mastrocola, quando definisce  Lo studio una  ” passione ribelle” ( il titolo dell’ultimo lavoro  )  e eversiva . Questa ti permette di   andare oltre l’improvvisazione che caratterizza molti approcci, facendoti diventare protagonista e soggetto attivo  del loro sviluppo teorico-pratico.