Posted in: Esperienze, Tutti gli articoli

Mappe concettuali: oltre il copia e incolla!


Sul “Regolarità e Trasparenza nella Scuola” è stato pubblicato un sintetico articolo, ma denso concettualmente dal titolo ” La generazione copia e incolla si domanda: “ che senso ha andare a lezione, visto che si trova tutto su Internet ?
E’ prospettata la via facile dell’impegno scolastico: “Copia/Incolla”, dove i processi cognitivi sono azzerati. Questa pratica molto diffusa tra i giovani puo’ essere accostata all’azione del “tocco” sul display. Tornano in mente i testi di N. Carr “Internet ci rende stupidi…” e l’ottimo contributo di M Spitzer ” Demenza digitale“da me recensito. I lavori sono accomunati dalla denuncia di un certo “cretinismo dei nativi digitali”, dove il pensiero profondo che individua i particolari, riuscendo a portarli a sintesi.
Qualche giorno fa discutevo con una collega. Bene, lei registrava un’opacità umana dei suoi studenti, dovuta all’incapacità e difficoltà ad esprimere i sentimenti, gli affetti, a descrivere gli eventi. In altri termini a rappresentare il mondo!
Le cause sono diverse. Scriveva U. Bronfenbrenner che l’individuo e l’ambiente sono realtà dinamiche e interagenti, riuscendo a modificare “l’altro” con la sua azione.
Sicuramente parte della  responsabilità è di quegli insegnanti che presentano la mappa concettuale statica, e anche “scriteriata”, quindi impossibilitata a lavorare con il testo scritto – anche quello copiato e incollato nel Web. Questo strumento di rappresentazione, insieme ad altri come la mappa mentale e lo schema, si presta al lavoro attivo sul testo, il quale subisce il trattamento dei concetti, attraverso il processo di selezione, integrazione di altri contributi, fino a proporsi strutturato in paragrafi. Questi ultimi, infine influenzano la rappresentazione concettuale, attraverso la loro organizzazione strutturata.
Dobbiamo liberare la mappa dalla gabbia statica nella quale l’ abbiamo collocata, in un monadismo senza finestre, cioè senza legami con l’esposizione orale e scritta. Il percorso indubbiamente si contrappone alla tendenza  del tutto e subito, sostanziato nel copia/incolla, nuovo profilo identitario del nostro nativo digitale,   che senza saperlo sta uccidendo la facoltà che ci ha permesso di immaginarci il simbolico, alzando gli occhi al cielo!