Marco Bussetti, “la scuola in un armadietto”

Marco Bussetti, il suo sogno

Il Ministro Marco Bussetti ha un sogno che lascia basiti: l’armadietto scolastico

Il Ministro Marco Bussetti prosegue con le sue interviste. Giornaliere. Quindi troppe! Il suo sogno: “l’armadietto nelle scuole”

Ministro marco Bussetti, nuova intervista, nuova rivelazione

Ieri il Ministro Marco Bussetti ha rilasciato al quotidiano (” Verità”) una nuova intervista. Ha trattato diversi argomenti come la sicurezza degli edifici, il contratto del comparto scuola, il testo unico, i compiti a casa… In alcuni casi le risposte sono state articolate  (sicurezza degli edifici); in altri perentorie  (abbigliamento decoroso, compiti a casa…) o vaghe (il contratto).
Lascia perplessi un passaggio:
“…Sa qual è il mio sogno?».
Ovviamente no.
«L’armadietto nelle scuole».
L’armadietto?
«Non capisco perché c’è nelle scuole d’infanzia e poi sparisce».
Sarebbe utile?
«Ridurrebbe il peso dello zaino, abituerebbe a custodire le proprie cose, a rispettare quelle altrui».”

Perplessità, mitigata però… una “scuola romantica”

Il passaggio lascia basiti! La risposta poco razionale, proviene dall’uomo- Bussetti. E’ il prodotto di quella dimensione che caratterizza la nostra condizione umana: i sogni! Sinonimi di aspirazioni, idealità e aspirazioni. Ora se tutto questo lo caliamo nella dichiarazione del Ministro, sorge una domanda: è mai possibile che la scuola del Ministro si riduca ad un armadietto? Con tutti i problemi che caratterizzano il sistema scolastico,  ( sicurezza degli edifici, qualità della formazione, classi pollaio…) è pensabile ridurre la scuola del sogno alla presenza di un armadietto? E’ accettabile l’idea di attribuire all’armadietto un valore superiore ai problemi reali vissuti da chi entra in aula?
Poi però il sogno di Bussetti lascia meno perplessi. Se consideriamo, infatti, un’altra dichiarazione, dove auspica “insegnanti volontari”, allora  l’idea di scuola del Ministro è chiara:  una scuola romantica, molto vicina a quella del “libro cuore“. Una scuola leggera, dove tutto è semplificato  e  ridotto a obiettivi minimali ( l’armadietto), frequentata da passioni disinteressate e soggetti senza alcuna relazione con la complessità dell’esistenza. E qui mi fermo!

 

Questa voce è stata pubblicata in Marco Bussetti e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.