Posted in: Informatica, PNSD, Tutti gli articoli

Marco Guastavigna: discute di animatori digitali e…

animatori-digitali-1
Nella  navigazione nel Web, ho trovato questa interessante riflessione sulla figura dell’animatore digitale:
L’articolo inizia con il mettere in evidenza il carattere probabilmente gratuito di questo profilo. Poi però ne analizza sia il sostantivo, preso a prestito da contesti vacanzieri,, ma soprattutto l’aggettivo dove come scrive l’autore si è verificato  “un progressivo scivolamento semantico che gli conferisce un significato davvero curioso e totalitario, unendo al concetto di uso di tecnologie quello di innovazione metodologica e quello di efficacia formativa garantita, in una sorta di compiaciuto dogmatismo.”:
Aggiungo, ma lo scrive anche M. Guastavigna, che dietro l’aggettivo ” digitale” si nasconde la convinzione che è sufficiente introdurre qualche dispositivo informatico per modificare in meglio gli apprendimenti. Sono invece dell’idea che dietro i dispositivi ci sono gli insegnanti, che devono preventivamente elaborare un piano formativo che traduca nei diversi contesti la pedagogia 2.0. In altre parole: dare un’anima a un piano digitale, elaborato dal Miur, che è privo di prospettiva formativa.
Intervento Guastavigna