Maria Chiara Carrozza (ex Ministro dell’Istruzione) e l’auspicio inopportuno

Maria Chiara Carrozza

Maria Chiara Carrozza ha rilasciato un’intervista, invitando la scuola a un impegno. Invito Inopportuno e fastidioso.

Maria Chiara Carrozza. ex Ministro dell’Istruzione esprime un auspicio. Inopportuno, considerando che il suo  impegno governativo  è stato sostanzialmente incolore. Non è rimasta traccia del suo passaggio.

Maria Chiara Carrozza, un auspicio inopportuno

Maria Chiara Carrozza, ha rilasciato la seguente intervista sulle prospettive dell’industria 4.0, auspicando l’impegno della scuola a ridurre l’analfabetismo digitale. Invito inopportuno e personalmente fastidioso. La ragione di questo disagio risiede nel ricordo del suo Ministero. Incolore e poco incisivo. Quando ha potuto, ha fatto poco per migliorare il sistema-scuola. Troppo semplice porre  l’attenzione a valle (impegno della scuola), senza sciogliere (quando ha potuto) i nodi e risolvere i problemi che impediscono al fiume (=scuola) di  esprimere il proprio potenziale. Troppo facile seguire la moda, molto diffusa tra i politici di indicare (ora) alla scuola cosa deve fare o quali nuovi impegni deve assumere. La logica di questo approccio è semplice. Spostare l’attenzione sulla scuola, distraendo l’opinione pubblica sulle responsabilità di tutta la società, compresi i politici con poteri decisionali, come Maria Chiara Carrozza.

“Il continuismo” di Maria Chiara Carrozza

Dopo la scelta di Profumo (Governo Monti 2011-12) di applicare la strategia del cacciavite (= ottimizzazione) alla devastante Riforma-Gelmini/Tremonti, molti si attendevano un cambioverso. La speranza si basava sul fatto che M. Chiara Carrozza faceva parte di un governo di centrosinistra. Qualcuno apprezzo la scelta di nominare sottosegretario “il maestro di strada” M. Rossi Doria.  Risultato: conferma della strategia del cacciavite e  minaccia di dimissioni rientrate, dopo aver richiesto (intervista a “Radio 24, maggio 2013) investimenti per l’Università, l’edilizia scolastica e risorse per adeguamento degli stipendi.
In altri termini, l’ex Ministro Carrozza si è piegata alla logica di “ingabbiamento” del sistema-scuola al finanzcapitalismo, lasciando irrisolti tutti i problemi irrisolti.

Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.