Posted in: Opinioni

Maria Chiara Carrozza. Pessimi segnali!

Ho atteso qualche giorno prima di scrivere queste brevi riflessioni sui primi giorni di lavoro del Ministro Carrozza. Avevo bisogno di capire la persona e anche il politico. Bene, l’impegno non è stato difficile,  aiutato dalle tante parole e da qualche decisione dubbia del Ministro. Entriamo nei particolari. Innanzi tutto la conferma di Marco Rossi Doria, mi lascia piuttosto indifferente, come è stata la sua presenza nel governo Monti. Infatti, se non consideriamo le nuove indicazioni, che ripetono la stessa minestra di conoscenze, capacità e competenze, la sua presenza accanto al Ministro Profumo non è stata notata in termini di miglioramento del servizio scolastico.  Un esempio: la vicenda dell’allungamento dell’orario dei professori, a parità di stipendio. Qualcuno afferma che dietro il ritiro di questo provvedimento sia opera  della ferma opposizione del sottosegretario. Ho qualche dubbio!!! Sono più propenso a pensare che il provvedimento sia stato ritirato, solo perché troppo vicino alle elezioni e quindi politicamente inadeguato Del resto  il sottosegretario non si è opposto alla riduzione del F.I.S. che ha portato ad un risparmio di 420 milioni di euro su un totale di 1,2 milioni (  quindi il 35% ). L’entità del risparmio è significativamente più basso, rispetto ai 780 milioni previsti  con l’allungamento dell’orario di servizio dei professori.  Ma questo ha impedito alle scuole quest’anno di “governare la complessità” con progetti, iniziative…  Ma andiamo avanti con le chiacchere in libertà, che sicuramente non porteranno alcun beneficio nelle tasche dei docenti. Il ministro ha parlato di voler valorizzare la funzione docente e di credere nell’aggiornamento professionale. Bene, benissimo direi. Per realizzare questi obiettivi occorre riconoscere economicamente il lavoro degli insegnanti o quanto meno agevolare l’attivazione di abbonamenti a riviste specializzate, l’accesso a Internet, l’acquisto di libri, di computer… Ma con quali risorse? Il ministro dell’Economia e Finanze ha dichiarato che ogni dicastero dovrà trovare le risorse al proprio interno. Quindi una  partita di giro…  Speriamo di non ricevere solo elogi, come hanno fatto recentemente i due Presidenti di Camera e Senato ( “eroi” ” funzione importante”). Sulle recenti prove Invalsi il ministro ha ribadito che sono test e non quiz, ma soprattutto che servono alle scuole per avere delle informazioni…  Gli istituti scolastici non hanno bisogno di questa prova  standardizzata per conoscere la mappa degli apprendimenti in quanto molti  hanno elaborato degli strumenti differenziati e quindi all’insegna della personalizzazione  per verificare il possesso di conoscenze, abilità e competenze. Ho scritto anche a Marco Rossi Doria, che ovviamente mi ha risposto in perfetto politichese ( del resto non poteva fare diversamente) https://www.facebook.com/permalink.phpstory_ fbid=10200634136568678&id=181633476252&comment_id=5254493&offset=0&total_comments =2&notif_t=share_comment  Sempre sulle prove Invalsi il Ministro, che sicuramente non le ha lette, si è “scandalizzata” dell’esclusione operata da molte scuole  dei diversamente abili, dichiarando che condurrà un’inchiesta per accertare i fatti. Poveri noi!!! La Dott.ssa Carrozza si informi e poi ci dica come era possibile somministrare queste prove, tarate per una popolazione di geni, ai diversamente abili. Non parliamo poi degli alunni con DSA e BES. Concludendo: se il buongiorno si vede dal mattino, questo ministero non sarà ricordato negli annali storici come un “dicastero di cambiamento”. Povera scuola!!! Come la ritroveremo fra diciotto mesi?