Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

Matteo Renzi, Ministro Valeri, leggete l’articolo di M. Boscaino

Matteo Renzi, Ministro Valeri, leggete l'articolo di M. Boscaino
Un contributo “quasi asciutto”, carico di date, fatti e dichiarazioni.


Matteo Renzi,Ministro Fedeli, se volete comprendere il malessere della scuola, leggete l’ottimo articolo di M. Boscaino. Poche chiacchiere, zero insulti, tante date, molti fatti e dichiarazioni. Un esempio di un Web come luogo virtuale di approfondimento. Un esempio contro le fake news, i turpiloqui…

La strategia comunicativa di “questa politica”, la sua fine

Spesso i nostri politici esprimono stupore, meraviglia di fronte alle  reazioni negative prodotte da un “buon” provvedimento. E’ il caso della L.107/15.
Ha dichiarato M. Renzi ” Sulla scuola abbiamo messo sette miliardi e mezzo, ma il 97% degli insegnanti ha aderito allo sciopero: quando succede una cosa simile, qualche domanda uno se la deve fare”
L’approccio è confermato dal V. Fedeli: “Non si può avere investito risorse e assunto 100mila persone e avere tutto il mondo della scuola contro: evidentemente qualcosa dobbiamo avere sbagliato ”
Una breve considerazione. Quando la politica, questa politica ammette che esiste un corto circuito con i suoi referenti, confermando percentuali altissime di opposizione ad un provvedimento, allora esiste un problema. Se non è risolto, allora si pongono le condizioni per il suo tramonto, la sua fine. Purtroppo l’esito può compromettere l’affermazione della “buona politica” di cui abbiamo tanto bisogno.

Matteo Renzi, Ministro Valeri, leggete questo contributo

Comunque se i nostri politici intendono realmente comprendere i motivi del malessere della scuola, devono leggere l’ottimo articolo di M. Boscaino. 
Il contributo si caratterizza per la presenza di date, fatti e dichiarazioni che hanno il pregio di smontare le balle” di M. Renzi e le tante non-verità dei politici.
Ovviamente questo ha un costo. L’articolo è lungo! Non poteva essere altrimenti, se si intende riportare in modo puntiglioso gli eventi a supporto di una tesi. 

Lo riconosce la stessa autrice “So di essere stata lunga, e me ne rammarico. Ma alla cogitabonda e perplessa ministra – finalmente (ma quanto sinceramente?) cauta – che si chiede se qualcosa non sia andato come doveva, valeva la pena di rinfrescare la memoria e chiarire le idee.”
Un bell’esempio di giornalismo, contro la post-verità dove i fatti sono sostituiti spesso da frasi ad effetto o ad alto tasso emotivo.
Grazie M. Boscaino!