Ministro Bussetti, una dichiarazione “profetica”

Ministro Bussetti

Una dichiarazione del Ministro Bussetti che dice molto del “futuro prossimo” della scuola.

Ministro Bussetti e una dichiarazione che rivela le prospettive per la scuola. Tutto dipenderà, soprattutto dalle risorse economiche Quelle che  resteranno dopo le riforme che stanno a cuore a Lega e M5S.

La dichiarazione del Ministro Bussetti

Si legge su Fanpage.it : “Abbiamo gli insegnanti più vecchi d’Europa, ma presto moltissimi di loro andranno in pensione e dunque si farà largo ai giovani”, spiega il ministro dell’Istruzione. “Purtroppo ci vorrà più di un anno per poter indire un concorso perché la legge ci impone un regolamento che ha molti passaggi burocratici. Proveremo a cambiarla snellendo tempi, costi e procedure.
Altro annuncio vuoto dove si presenta il problema e la possibile soluzione che però rimane “al palo”.  Assumendo la prospettiva marxiana si crea un corto circuito tra la teoria e la prassi, cadendo di fatto nell’apologia del presente proposto come inemendabile.

La dichiarazione dice molto del futuro della scuola

Si riceve la sensazione di un Miur che assomiglia ad un cavallo che vorrebbe correre, ma è impedito da fattori non gestibili direttamente dal dicastero. E questa sarà la situazione ricorrente con la quale dovrà fare i conti il Ministero. Ecco spiegata la scelta di “usare il cacciavite, depotenziando lo spirito riformistico”. E’ più semplice! Si interviene dove è possibile, compatibile con le risorse economiche. Queste saranno destinate principalmente alle grandi promesse elettorali della Lega e del M5S: reddito di cittadinanza, flat tax, e superamento della Riforma Fornero. Alla scuola, forse, rimarranno le “briciole”. Insufficienti, ad esempio per abolire le “classi pollaio”. Il provvedimento fa parte del contratto di governo, ma è costoso, perché implicitamente richiede la formazione di più classi e l’impiego di un numero maggiori di docenti. Ecco spiegato il motivo del quasi silenzio del Ministro Bussetti sull’argomento.
La “musica non cambierà” per il  nuovo contratto del comparto pubblico (2019-2021) che dovrà partire dal consolidamento strutturale dell’elemento perequativo per i redditi più bassi.  Se il contratto verrà rinnovato, avremo altri 40 € netti. Non di più! Se tutto questo si concretizzerà, la “discontinuità” promessa, resterà una parola vuota, senza significato.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Ministro bussetti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.