Ministro Bussetti, tavoli utili solo per gli esperti

Ministro Bussetti

Il Ministro Bussetti apre undici tavoli. Servono solo a distrarre.

Il Ministro Bussetti “apre un nuovo cantiere” costituito da 11 tavoli. Modalità di consultazione utile solo per la passerella di personalità. Raramente, infatti hanno prodotto qualcosa. Tattica per distrarre dal clima di bonaccia?

Il Ministro Bussetti e i tavoli

Qualche giorno fa, il Ministro Bussetti ha dichiarato:” La scuola ha bisogno di un approccio pragmatico su temi chiave. Da oggi e fino ad aprile otto esperti, profondi conoscitori di specifiche tematiche del mondo della scuola, coordineranno undici gruppi di lavoro: percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento; inclusione scolastica; attività sportive scolastiche; valutazione del sistema scolastico; primo ciclo e 0-6 anni; cultura umanistica; istituti tecnici e professionali; soft skill ed educazione civica; quadriennali e scuole innovative; équipe territoriali; bullismo e prevenzione. Sono temi a noi cari: vogliamo affrontarli con interventi chiari, frutto dell’ascolto dei territori e delle esigenze di chi vive la scuola ogni giorno.

Tavoli utili per la passerella e per distrarre dalle priorità

Anche il Ministro Bussetti applica la modalità dei tavoli tecnici per comprendere meglio i problemi e intervenire. Coerente con la “strategia del cacciavite“, che porta solo ad alcuni aggiustamenti o modifiche su determinati aspetti del sistema-scuola. Nulla di nuovo! Tutto confermato (o quasi)!  Il Ministro “stringerà o allenterà” alcuni elementi esistenti per ottimizzare il sistema! Nulla più!
Qui però mi soffermo sulla modalità dei tavoli tecnici. A mio parere servono solo agli esperti per fare qualche apparizione in convegni, in grandi kermesse! Nel recente passato i tavoli non hanno portato a nulla! Si legge su Sussidiario.net : “La ministra Giannini ne aveva fissate una ventina, mi pare di ricordare 23, con esiti modestissimi, e comunque, 11 priorità è già meglio di 23, e potrebbe essere segno di un’ammirevole sobrietà.
A questo aggiungo che i tavoli servono solo a distrarre dai pochi risultati conseguiti dal Ministro e dalle priorità del contratto di governo ancora fermi sul binario morto degli annunci. Mi riferisco alle classi pollaio che nel programma aprivano praticamente la parte degli obiettivi da conseguire. A dire il vero esiste una Proposta di legge, ma di iniziativa parlamentare. Non ho notizie di un azione di coinvolgimento del governo per  favorire una rapida approvazione.
Ho l’impressione che il “movimentismo” del Ministro costituisca l’ultimo esempio di un apparente fare su problemi già affrontati per nascondere il clima di bonaccia che circonda il Miur  dopo gli tsunami delle riforme Gelmini e Renzi/Giannini.

Questa voce è stata pubblicata in Politica, Tutti gli articoli e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.