Ministro Bussetti “repetita non semper iuvant”, se…

Il Ministro Bussetti

Il Ministro Bussetti annuncia che si costituirà come parte civile. La stessa cosa aveva dichiarato a giugno, ma…

Il Ministro Bussetti ha esternato il suo disappunto per gli atti di violenza contro i docenti, annunciando che il Miur si costituirà come parte civile.   Peccato che aveva detto la stessa cosa a giugno. Non sempre le prese di posizione  ripetute giovano. Soprattutto se non si concretizzano.

Il Ministro Bussetti si ripete, mi auguro che…

Il Ministro Bussetti parla di tutto. E’ sempre presente con le sue esternazioni.  Di fronte ai casi di violenza perpetrati contro i docenti ha dichiarato (oggi) che  il Miur è “pronto a costituirsi parte civile” aggiungendo che “Dietro a questi episodi di cronaca – riferendosi all’incremento di casi di bullismo a scuola – ci sono motivazioni culturali che investono la società nel suo complesso e vanno analizzate nel dettaglio per invertire la rotta”.
Il Ministro aveva espresso la stessa intenzione  a giugno. Ecco quanto riporta tuttoscuola.it in  data 19.06.2018:  ” Gli episodi di violenza vanno condannati duramente e, come ministro, non voglio limitarmi alla vicinanza formale: saremo al fianco di insegnanti, dirigenti, del personale amministrativo e ausiliario”… Sono in contatto con la presidenza del Consiglio affinché, in ogni procedimento attivato con querela, il ministero possa costituirsi parte civile – aggiunge il ministro – Voglio rilanciare il rispetto per quella che considero la più importante istituzione del nostro Paese: qui passa il futuro
Purtroppo non ho notizie di atti concreti dopo giugno. E’ possibile che mi sia sfuggita la notizia. Difficile, ma non impossibile. Se così fosse, allora la decisione di costituirsi come parte civile ha viaggiato quasi ad altezza del suolo, tanto da non essere intercettata dal “mio radar”, solitamente molto attento. E questo non va bene! Innanzitutto per gli insegnanti che non intercettando segnali concreti, si sentono abbandonati,  lasciati completamente in balia degli eventi e…  Ma anche  il Ministro non ne esce bene! Sono convinto che “repetita non semper iuvant”, se queste si fermano all’annuncio, oppure se portano a decisioni radenti il suolo. Invito il Ministro ad elencare i casi in cui il Miur si è già costituito come parte civile. 

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Tutti gli articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.