Posted in: Legge 107/05, Opinioni, Tutti gli articoli

Ministro Fedeli, la scuola ha già detto la sua !


“Io credo che il PD sia il partito che oggi è necessario al Paese. Sono qui per questo, sono in Parlamento per questo, sono al Governo per questo… Chi pensa che il PD non sia il partito necessario oggi all’Italia è giusto che possa dedicarsi a costruire altro. Ma deve venirlo a spiegare…Deve spiegarci perché non crede più nel Partito che insieme abbiamo fatto nascere e costruito in questi dieci anni. E deve spiegarci perché dividere quello che abbiamo unito è più utile al Paese…davanti alle difficoltà dobbiamo avere il coraggio e la capacità di rilanciare. “When in trouble, go big.” Recita un modo di dire anglofono. Nei momenti difficili, pensa in grande. Dividersi è l’esatto opposto…”
Ho ripreso una parte dell’intervento del Ministro V. Fedeli all’assemblea del Pd di oggi ( 19.02.17 ), che sostanzialmente conferma una dichiarazione di Renzi, quando non riusciva a spiegarsi come pur avendo investito nella scuola, questa era contro il suo governo.
Cosa dire? Basito! Senza parole! Il Pd sembra caduto in una condizione autistica!  Ha interrotto ogni tipo di comunicazione con il Paese! Ma si rendono conto che queste dichiarazioni rappresentano il miglior spot per le opposizioni.
La scuola ha detto la sua. Purtroppo le sue “parole” sono cadute nell’indifferenza! Alcuni esempi:  l’opposizione alla ” Buona Scuola”, culminata con la grande partecipazione allo sciopero del maggio 2015; la  richiesta continua di un adeguamento contrattuale dignitoso, dopo sette anni di vuoto; lo sconcerto di molti insegnanti, espresso in molti interventi sui media sociali – chiedo: ma li leggono questi messaggi? – di non essere  sostenuti dall’Amministrazione nei casi di violenze verbali e fisiche ; la richiesta di una didattica di qualità, compromessa con la conferma delle classi pollaio volute dal duo Gelmini-Tremonti  e l’invenzione renziana delle superpollaio; la rabbia spesso inespressa degli insegnanti a sentirsi dire “fannulloni”, a fronte di una fiducia ancora alta espressa nei loro confronti  ( 52% Indagine Demos ) .
Da queste situazioni è emersa una decisa opposizione al  Pd renziano, non più espressione della sinistra, epilogo di una involuzione  iniziata negli anni ’90.
Il Pd è stato percepito come un soggetto politico incapace di uscire dal “presentialismo”,  responsabile della   frattura tra la teoria e la prassi realmente riformista,  finalizzata all’affermazione dei diritti sociali ( lavoro, istruzione…). Da qui la percezione che “la spinta propulsiva” non caratterizzi più il Pd, privo  della  passione per un “altrimenti”, un “altrove”, un futuro diverso dalla “gabbia dorata” imposta  dal “financapitalismo” e dal quel “metodo di governo” chiamato Euro.
Abbiamo bisogno, quindi, di un Pd autenticamente di sinistra e non di quello attuale, percepito non necessario dal mondo della scuola. E non solo!